Appalti

Il Geometra Italiano agli Stati Generali dell’Edilizia di Culto: rivoluzione digitale e futuro delle professioni!

La rivoluzione digitale è al centro della valorizzazione del patrimonio immobiliare del nostro Paese e il Geometra Italiano, in rete con le altre figure professionali, è il protagonista di un modello operativo di riferimento in forte evoluzione.

La rivoluzione digitale è al centro della valorizzazione del patrimonio immobiliare del nostro Paese e il Geometra Italiano, in rete con le altre figure professionali, è il protagonista di un modello operativo di riferimento in forte evoluzione.
387Visite

La ferma volontà di partecipare proattivamente alla più ampia rete di operatori tecnici, che si pone come un dovere la tutela e la valorizzazione del patrimonio immobiliare ecclesiastico italiano, è la ratio che spinto il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati, la Cassa Geometri, la Fondazione Geometri Italiani e la Consulta Regionale Geometri e Geometri Laureati del Veneto a prendere parte a KOINE’ 2019. La più importante rassegna internazionale dedicata al settore religioso con il contributo delle professioni tecniche e, in particolare, della Consulta Regionale dei Geometri e Geometri Laureati del Veneto, avvia un fitto programma di incontri e presentazioni in cui si distingueranno gli approfondimenti tematici messi a disposizione dalla Categoria con i Geometri più qualificati e più esperti nella governance edile

La rivoluzione digitale è al centro della valorizzazione del patrimonio immobiliare del nostro Paese e il Geometra Italiano, in rete con le altre figure professionali, è il protagonista di un modello operativo di riferimento in forte evoluzione. Alla base troviamo oggi un approccio metodologico per la definizione dei criteri di riqualificazione e di risparmio energetico per una avanzata progettazione finalizzata all’ottenimento del miglior comfort indoor, l’applicazione delle più innovative tecnologie nel processo di rilevamento, monitoraggio e rappresentazione dei dati, una analisi delle soluzioni più all’avanguardia tese alla completa conoscenza dell’immobile, ottimizzando l’attenta raccolta documentale a favore di una moderna due diligence indispensabile ad una efficiente governance immobiliare e patrimoniale.

E’ questa solo un’esplicitazione esemplificativa della rinnovata qualificazione di un Geometra libero professionista che continua a rafforzare la sua funzione cardine di congiunzione fra la pubblica amministrazione e la Committenza, svolgendo un importantissimo ruolo sussidiario a favore del contesto economico e sociale in cui opera. E’ con tale polivalenza e sapere multidisciplinare, oggi ritenuti più di ieri caratteristiche peculiari di questa professione, che la Categoria pone la premessa del fattivo contributo che metterà a disposizione della Committenza in occasione di KOINE’ 2019, la più importante rassegna internazionale dedicata al settore religioso, in programma dal 16 al 18 Febbraio nel quartiere fieristico di Vicenza. Un calendario di focus tematici e approfondimenti appositamente ideati per gli Stati Generali dell’Edilizia di Culto da parte della Consulta Regionale Geometri e Geometri Laureati del Veneto e del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Vicenza.

“La nostra volontà – dichiara Alessia Zaupa, Presidente del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati – è quella di confermarci tecnici fondamentali nella filiera dell’edilizia 4.0. Grazie alla sinergia che scaturisce dalle convenzioni siglate ad hoc con le pubbliche amministrazioni siamo il principale riferimento professionale della Committenza pubblica e privata per le operazioni di censimento, di due diligence, di abbattimento delle barriere architettoniche, di efficientamento energetico di regolarizzazione e di valorizzazione del patrimonio immobiliare e infrastrutturale pubblico.

In questo percorso – conclude – desideriamo puntare anche sui futuri geometri, gli studenti dell’IT CAT ‘Antonio Canova’, coinvolti in un progetto di alternanza scuola lavoro che intende mettere a loro disposizione un’occasione per fare un’esperienza formativa nella specifica redazione della Valutazione di Interesse Culturale, prevista dal Codice dei beni culturali e del paesaggio. Un’iniziativa che si concluderà con la effettiva attività di valorizzazione di un immobile di proprietà della Diocesi di Vicenza”.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi