domenica, Settembre 20, 2020
0 Carrello
Fisco

Facciamo il punto su mutui e 730 precompilato: cosa detrarre?

Dal 730 precompilato non sono detraibili gli interessi passivi legati a mutui stipulati dal 1997 in poi per l’acquisto di una seconda casa

982Visite

Fine maggio si sa è un periodo dove le scadenze e gli appuntamenti commerciali e fiscali si rincorrono, tra 730, 730 precompilato, deduzioni e detrazioni e anche un periodo di forti dubbi ricorrenti.

Proprio in questi giorni gli italiani sono infatti impegnati nella compilazione della dichiarazione dei redditi, che per quest’anno vede per la prima volta la luce il famoso 730 precompilato.

La nuova disposizione dell’agenzia delle entrate prevede, per dipendenti e pensionati la possibilità di compilare il 730 direttamente online. Il modello 730 precompilato che milioni di italiani hanno ricevuto nelle loro abitazioni deve essere consegnato entro il prossimo 7 luglio.

Ma andiamo ad esaminare la parte del 730 precompilato relativa alle detrazioni che interessano il mondo dei mutui.

Per quanto riguarda le detrazioni che interessano il mondo dei mutui, sono scaricabili gli interessi passivi dei finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione principale. La percentuale scaricabile, anche per il 2015, risulta essere del 19% per un tetto massimo di 4mila euro. Sono scaricabili anche i canoni di locazione, e il 19% delle spese di affitto sostenute da studenti fuori sede (2.633 euro per studente).

A tali interessi si possono aggiungere anche:

  • gli oneri accessori legati al contratto di mutuo

  • le commissioni pagate per l’intermediazione

  • gli oneri fiscali

  • le eventuali imposte di iscrizione o cancellazione di ipoteca

  • le spese notarili e quelle delle eventuali perizie.

Non sono invece detraibili le polizze vita spesso associate dalle banche ai contratti di mutuo proposti.

Vediamo ora la parte di cosa non può essere considerato detraibile dal 730 precompilato:

  • gli interessi passivi legati a mutui stipulati dal 1997 in poi per l’acquisto di una seconda casa (mentre per quelli accesi prima di tale anno il massimo detraibile è di 2.065 euro), o quelli accesi dopo il 1998 per la costruzione e la ristrutturazione edilizia (per le quali sono previsti altri tipi di agevolazioni fiscali)

  • gli interessi passivi legati all’apertura di linee di credito, alla cessione di quote dello stipendio o ad altri finanziamenti , che non siano legati all’acquisto di una prima casa.

Le detrazioni, nel modello 730 precompilato, per quest’anno vanno inserite manualmente dal contribuente, dato che l’Agenzia delle Entrate non è in possesso di tutti i dati relativi alla situazione specifica di ciascun cittadino.

Per correggere gli eventuali errori nel 730 precompilato si può procedere direttamente dal sito, attraverso il tasto “Modifica il 730”, oppure chiedere assistenza al Caf o al commercialista.

 

 

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi