venerdì, luglio 20, 2018
0 Carrello
Professione

Euclide: formazione professionale Regione Veneto

Si è concluso, con un bilancio estremamente positivo, il primo progetto di formazione professionale sostenuto da fondi regionali ed europei che ha visto come protagonisti i geometri dei Collegi provinciali di Padova, Venezia, Rovigo e Vicenza.

Formazione professionale
271Visite

Il progetto di formazione continua denominato “Euclide: competenze digitali ed innovazione per il geometra del futuro”, finanziato dalla Regione Veneto su fondi FSE nell’ambito del POR 2014-2020 con un budget di circa 145 mila euro, è stato avviato lo scorso gennaio 2017 con un fitto programma di attività durato poco più di un anno. Oltre 1000 ore tra lezioni in aula, consulenze individuali, lezioni pratiche e laboratori itineranti: un bagaglio di contenuti tesi a proiettare la figura professionale del geometra verso un futuro fatto di tecnologia digitali avanzate, competenze trasversali, processi aziendali innovativi. Hanno partecipato più di 100 geometri liberi professionisti delle province di Padova, Venezia, Rovigo e Vicenza.

Numerosi i soggetti che hanno fornito il loro prezioso contributo, sia in fase di presentazione della richiesta di finanziamento per aggiudicarsi il bando, sia successivamente all’approvazione. nello svolgimento delle attività previste. Tra questi si segnalano i Collegi Provinciali dei Geometri e Geometri Laureati della Regione Veneto e la Fondazione Geometri Collegio Venezia.

Paolo Biscaro, Presidente del Collegio Geometri e Geometri Laureati della provincia di Venezia, tra i promotori dell’iniziativa, riassume così la nascita della sperimentazione: “L’idea è nata dall’opportunità di utilizzare i fondi FSE regionali anche per la formazione dei professionisti, alla luce della equiparazione con le PMI. Questo ha comportato un lavoro di squadra tra i professionisti geometri e le società partner per individuare dei percorsi in linea con le esigenze formative di tipo innovativo che la Regione Veneto intende perseguire a fronte dei finanziamenti erogati”.

Il punto di vista di una giovane professionista che ha seguito i corsi di “Euclide” ci giunge da Alessia Zaupa, geometra iscritta al Collegio di Vicenza: “Non sono stati trattati gli argomenti tecnici tipici dei tipici corsi di formazione. Qualcuno potrebbe dire che non abbiamo parlato di professione, non avendo trattato le tematiche catastali, urbanistiche, della sicurezza. Invece la professione è stato il tema centrale: abbiamo studiato la gestione del rapporto con i soggetti con cui tipicamente dobbiamo relazionarci; come organizzare meglio il nostro studio e il nostro tempo; come comunicare chi siamo e cosa facciamo, anche usando i social network”.

Il bilancio finale dell’esperienza di “Euclide” è senza dubbio molto positivo, sia per ciò che riguarda le tematiche trattate che per la metodologie di insegnamento utilizzate. Una best practice da conoscere e replicare dalla quale ha preso spunto un progetto di alternanza scuola-lavoro, destinato agli studenti dell’Istituto Comprensivo “Viola-Marchesini” di Rovigo, che comprende anche il CAT “Amos Bernini”, condotto dagli stessi soggetti formatori coinvolti in “Euclide”. Anche “Io imprendo – Businness Plan Competition”, nell’ambito del bando “Impariamo a fare impresa”, è stato finanziato, per la durata di un anno dalla Regione Veneto su fondi FSE nell’ambito del POR 2014-2020, e si ispira all’orientamento al lavoro con tecniche di info entertainment

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi