sabato, Luglio 11, 2020
0 Carrello
Professionisti

Anche secondo voi l’Italia potrà rinascere grazie ai Professionisti?

Ordini e Consigli Professionali hanno proposto, durante i recenti Stati Generali, un progetto articolato per richiedere più dignità professionale per i liberi professionisti

E se l’Italia rinascesse grazie ai Liberi Professionisti?
219Visite

Consigli e Ordini Professionali già da tempo chiedono al Governo un intervento deciso e univoco per ridare dignità professionale al settore dei liberi professionisti. L’ultimo passo è stato fatto pochi giorni fa a Roma durante l’assise degli Stati Generali dell’Economia.

“La crisi economica e sociale determinata dal diffondersi del virus Covid-19 – si legge nel testo consegnato al Governo da CUP e RPT – ha costretto tutti noi a ripensare in breve tempo ad un cambiamento che oggi appare come inevitabile. I liberi professionisti italiani, attualmente circa 2milioni e 300mila, costituiscono una parte importante del tessuto socio economico italiano e, numeri alla mano, contribuiscono con circa il 14% al PIL del paese”.

Numeri di tutto rispetto per un settore che però non trova, non ha mai trovato, risposte concrete alle richieste di aiuto rivolte nel corso dei decenni ai Governi.

“Il comparto delle Libere Professioni – leggiamo nel documento presentato agli Stati Generali a firma di CUP e RPT – è un ecosistema formato da diverse anime e da diverse professionalità che si distinguono anche nella gestione delle emergenze, come si è potuto vedere nei recenti drammatici fatti legati all’emergenza sanitaria”.

A questa importanza sociale però non corrisponde, denunciano CUP e RPT, una giusta attenzione da parte del Governo. “ Le misure di sostegno all’economia e di contrasto alla crisi socio economica causata dal Coronavirus (crisi che ha solo esacerbato una situazione che da diversi anni si caratterizzava poer una certa criticità) sono riuscite soltanto a intaccare il problema. La critica che giunge al Governo da parte dei settori professionali, infatti, è di aver esclusi i liberi professionisti da dai provvedimenti di supporto garantiti ad altre categorie di lavoratori.

Cosa fare per far rinascere l’Italia? Quale ruolo per le libere professioni?

Secondo CUP e RPT occorrono misure strutturali importanti per far si che l’Italia possa giovarsi del lavoro dei liberi professionisti.

“Norme più semplici, una fiscalità meno opprimente e meno complessa, investimenti sociali e infrastrutturali più consistenti e meglio programmati, pochi, semplici e razionali incentivi al lavoro, misure prontamente utilizzabili a sostegno di chi rischia di essere espulso dal mercato del lavoro o si trova già in una condizione marginale”.

Richieste che sono state ascoltate e che le rappresentanze professionali si augurano di veder realizzate in tempi brevi. In caso contrario, il rischio è quello di veder morire nei prossimi mesi circa 500mila attività professionali.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi