giovedì, Aprile 18, 2024
0 Carrello
Attualità

A Riccione, in queste ore, nasce la Next Gen dei Geometri italiani

L’appuntamento è fissato: il 13 e 14 giugno 2023 si ritroveranno al PalaRiccione gli under 35 della categoria per il 2° Meeting Nazionale Giovani Geometri.

A Riccione, in queste ore, nasce la Next Gen dei Geometri italiani
663Visite

L’appuntamento è fissato: il 13 e 14 giugno 2023 si ritroveranno al PalaRiccione gli under 35 della categoria per il 2° Meeting Nazionale Giovani Geometri. A deciderlo la Commissione Giovani del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati che ha selezionato per l’appuntamento il titolo “IL FUTURO CHE VOGLIAMO”.

L’incontro arriva temporalmente dopo l’alluvione che ha sconvolto la Romagna e ha come obiettivo, quello di essere un occasione per fissare in agenda la genesi di una nuova generazione di geometri, oltre che di rappresentare un chiaro segnale dell’impegno della categoria al fianco dei colleghi e dei cittadini colpiti dall’emergenza.

Una nuova generazione di geometri.

Ne è pienamente convinto il presidente CNGeGL, Maurizio Savoncelli che, fra le altre misure subito adottate per la categoria dopo l’accaduto, nell’ultima circolare ha altresì posto al centro i 𝗰𝗼𝗹𝗹𝗲𝗴𝗵𝗶 𝗽𝗶𝘂’ 𝗴𝗶𝗼𝘃𝗮𝗻𝗶. “Invito i presidenti di collegio delle province interessate dall’emergenza, a segnalare una delegazione 𝘂𝗻𝗱𝗲𝗿 𝟯𝟱 di propri iscritti (tre a collegio) che vogliano partecipare all’evento “Il futuro che vogliamo”, in programma a 𝗥𝗶𝗰𝗰𝗶𝗼𝗻𝗲, oggi martedi 𝟭𝟯 𝗲 domani, mercoledi 𝟭𝟰 𝗴𝗶𝘂𝗴𝗻𝗼 𝟮𝟬𝟮𝟯. Le quote di iscrizione per la loro partecipazione saranno a carico del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati”.

Dopo le esperienze delle passate occasioni (nel 2019 il primo appuntamento del progetto “Geofactory, laboratorio di idee under 35” e la partecipazione al 45° Congresso di Categoria, nel 2020 l’Agorà virtuale e nel 2022 “Orizzonte Giovani”) i geometri under 35 sono determinati a disegnare ora il loro futuro.

Il format dell’evento in corso di svolgimento a Riccione

Il format prevede due giorni di confronto partecipato, con il metodo OST, Open Space Technology, su quattro macro-temi considerati i driver di sviluppo della professione: 1.innovazione tecnologica, 2.sostenibilità ambientale, 3.formazione di qualità, 4.professione 4.0.

Rivolto ai circa 12mila geometri professionisti under 35 iscritti all’Albo (il 10% del totale), questa iniziativa promossa dal Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati vuole nuovamente sostenere e stimolare i giovani, affiancarli nell’avvio di un dialogo ampio e costruttivo su temi cruciali dei prossimi decenni, come la crescita economica, sociale e culturale della Categoria.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi