venerdì, Marzo 1, 2024
0 Carrello
Ambiente

L’Ance si esprime sul ddl consumo di suolo

Bene i principi del ddl consumo di suolo, ma bisogna promuovere una vera rigenerazione urbana

1.59KVisite

“Il mercato è fortemente cambiato” ha affermato il presidente ANCE Claudio De Albertis commentando l’approvazione da parte della Commissione ambiente della Camera del ddl consumo di suolo“ la domanda si è dimezzata rispetto al 2006 e sugli attuali livelli si stabilizzerà nei prossimi anni:  i permessi di costruire sono tornati ai livelli del 1936. Le imprese sono, dunque, consapevoli che si debba intervenire sul costruito, andando a intercettare una domanda che è sempre più selettiva ed esigente”.

“ Il ddl consumo di suolo” continua De Albertis “contiene principi che sono coerenti con questi obiettivi, però deve avere più coraggio. Ci vogliono strumenti operativi che consentano di realizzare interventi di vera rigenerazione urbana. E’ dagli anni ’70 che ci riempiamo la bocca con il termine di rigenerazione delle città e poi non siamo stati in grado di fare nulla in tal senso, anche a causa di posizioni fortemente ideologiche che hanno frenato il processo. Le imprese finora non avevano alcuna convenienza a intervenire sul patrimonio esistente, perché i tempi legati all’iter urbanistico-edilizio per rimettere mano a un vecchio edificio erano enormemente svantaggiosi rispetto a quelli necessari a costruirne uno nuovo e comportavano oneri finanziari insopportabili”.

 “Ora invece qualcosa sta cambiando”sottolinea De Albertis “ma si può e si deve fare molto più, non solo in termini di strumentazione urbanistica, ma anche predisponendo adeguate leve fiscali che promuovano la sostituzione edilizia e di conseguenza l’efficientamento energetico. Oggi tra l’altro assistiamo a una forte volontà delle famiglie di tornare a vivere nelle città costruite,  capaci di offrire un modello di qualità della vita più soddisfacente e attrattivo”.

 

 Quindi, conclude il Presidente dei costruttori, “è interesse primario delle imprese intercettare questi flussi di domanda”.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi