domenica, Settembre 25, 2022
0 Carrello
Ambiente

I tre principi base di bioarchitettura.

Quali sono i tre pilastri fondamentali della bioarchitettura? Guida completa alla comprensione della bioedilizia applicata al lavoro dei geometri.

I tre principi base della bioarchitettura.
397Visite

Principi di Bioarchitettura e professione di geometra. Qualità della vita, risparmio energetico e sostenibilità ambientale sono i tre principi su cui si basa la disciplina della bioarchitettura.

Tre semplici e per alcuni banali, punti di partenza dai quali partire per elaborare qualunque tipologie di progettazione che rispetti i dettami della bioedilizia moderna.

  1. Benessere abitativo e miglior qualità della vita.
  2. Risparmio energetico e consumi energetici più bassi.
  3. Sostenibilità ambientale e un mondo migliore.
  4. Vuoi scoprire i principi cardine della BioArchitettura, progettare e costruire edifici in modo completamente ecosostenibile?

Quali sono i tre pilastri fondamentali della bioarchitettura? Guida completa alla comprensione della bioedilizia applicata al lavoro dei geometri.

I tre pilastri alla base della bioarchitettura sono la sostenibilità ambientale, il risparmio energetico e il miglioramento della qualità della vita. Analizziamo nel dettaglio ogni singolo punto.

Benessere abitativo e miglior qualità della vita.

Costruire una casa in Bioarchitettura è un ottima soluzione per migliorare e garantire alle persone che ci vivono un miglioramento del benessere abitativo e un maggior comfort. Benessere e comfort vengono ottenuti applicando e utilizzando nella progettazione tecniche e materiali ecosostenibili.

I materiali ecologici e i prodotti ecosostenibili sono sia naturali che riciclati che recuperati. La cosa importante, quando si parla di materiale da costruzione per case ecologiche è che questi, una volta terminato il loro ciclo di vita, possano essere smaltiti. Per questo i materiali, quando si progetta una casa in bioarchitettura devono sempre essere selezionati con cura e attenzione.

Legato a doppio filo con l’utilizzo di materiali ecologici è anche il concetto di benessere abitativo e di inquinamento degli ambienti indoor. L’utilizzo, errato, di materiali non ecologici o addirittura nocivi per la salute è una possibile causa di muffe, campi elettromagnetici, presenza di acari, radon, inquinamento acustico e chimico.

Risparmio energetico e consumi energetici più bassi.

Usare materiali ecologici e prodotti di bioarchitettura può aiutare a ottenere un forte risparmio energetico e un abbattimento dei consumi con notevoli vantaggi visibili anche in bolletta.

I materiali non sono però l’unico accorgimento per avere come risultato una casa in bioarchitettura. Anche l’orientamento generale dell’edificio, l’esposizione al sole e la giusta valutazione dei fattori climatici aiuta a progettare e costruire correttamente un edifico in grado di rispondere alle richieste della bioarchitettura.

Sostenibilità ambientale e un mondo migliore.

Una casa progettata e costruita in bioedilizia è, anche, una casa ecologica “tirata su” grazie all’utilizzo delle energie rinnovabili / pulite. L’utilizzo di questo tipo di energie permette alle case costruite in bioarchitettura d’ illuminare, riscaldare e ventilare naturalmente gli ambienti interni.

Il miglior risultato possibile però sarà quello ottenuto con lo sviluppo di una progettazione che tenga conto anche di aspetti non strettamente collegati alla singola casa.

Il principio della sostenibilità ambientale va, infatti, oltre, le singole scelte di una famiglia o di un singolo, ma riguarda invece concetti e atteggiamenti di più ampio respiro come la gestione delle risorse collettive e le attività mirate alla riduzione del consumo del suolo.

Vuoi scoprire i principi cardine della BioArchitettura, progettare e costruire edifici in modo completamente ecosostenibile?

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi