sabato, Gennaio 29, 2022
0 Carrello
AmbienteProfessionisti

Gestioni dei rifiuti in cantiere: adempimenti e obblighi normativi per professionisti dell’edilizia.

Normative e adempimenti per la corretta gestione dei rifiuti in un cantiere edile. Breve guida completa alla gestione dei rifiuti.

Gestioni dei rifiuti in cantiere: adempimenti e obblighi normativi in cantiere
297Visite

In tema di edilizia la gestione dei rifiuti in cantiere è uno degli argomenti più importanti. La gestione dei rifiuti, in particolare con lo sviluppo di una società iper consumistica e una nuova e in costante crescita sostenibilità ambientale è un tema che sta catalizzando l’attenzione di migliaia di professionisti.

Normative e adempimenti per la corretta gestione dei rifiuti in un cantiere edile. Breve guida completa alla gestione dei rifiuti.

In questo articolo:

  1. Normative e gestione dei rifiuti in un cantiere edile.
  2. Come garantire un corretto riciclo dei materiali?
  3. Che cosa può essere definito come rifiuto in un cantiere edile?
  4. Come si generano i rifiuti nei processi edili?
  5. Gestione dei rifiuti in cantiere: quali differenze a seconda delle diverse fasi di produzione?
  6. Come classificare le diverse tipologie di rifiuto?
  7. Scriminante per definire e dividere le due categorie di rifiuti.
  8. Come leggere il codice CER!
  9. Gestione dei rifiuti in cantiere: il deposito temporaneo.
  10. Sei un geometra e vuoi approfondire l’argomento sulla gestione dei rifiuti in cantiere?

In tema di gestione dei rifiuti in cantiere sono sopratutto i geometri ha recitare un ruolo da assoluti protagonisti. Sarà per le spiccate caratteristiche di gestione di cantiere o per le innate skill che portano i nostri geometri a ricoprire con successo le mansioni di capo- cantieri, ma la gestione dei rifiuti è una delle competenze sicuramente più richieste ai geometri.

Normative e gestione dei rifiuti in un cantiere edile.

Le normative sono la bussola attorno a cui ruota buona parte dell’edilizia. Ogni cosa è regolata da una legge o da un decreto e non potevano essere altri,menti anche per quanto riguarda la gestione dei rifiuti.

In campo edile la gestione dei rifiuti è normata da precise normative suddivise in base alle diverse tipologie di rifiuto. Il principio cardine è quello che stabilisce come via principale per la gestione dei rifiuti la strada più virtuosa o, ancora meglio, quella che potrebbe garantire un corretto riciclo e riutilizzo dei rifiuti.

Come garantire un corretto riciclo dei materiali?

Un corretto ciclo di vita del rifiuto caratterizzato da riciclo o riutilizzo dovrebbe essere previsto in cantiere fin dalle prime fasi di lavoro. É quindi estremamente importante l’approccio progettuale, che se ben impostato garantirebbe un utilizzo razionale delle risorse e una selezione di materiali riciclabili e riciclati.

Che cosa può essere definito come rifiuto in un cantiere edile?

In un cantiere edile, secondo la definizione riportata dall’Art. 183 D. Lgs. 152/2006 “Norme in materia ambientale” – e successive modifiche deve essere considerato come rifiuto qualunque tipologia di sostanza od oggetto “di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia obbligo di disfarsi”.

Come si generano i rifiuti nei processi edili?

L’edilizia, da sempre, è un attività che produce numerosi rifiuti di cantiere. Chi ha, almeno una volta, lavorato in un cantiere edile sa che i rifiuti sono dei prodotti di scarto e che vengono prodotti durante i diversi processi di costruzione. Sia durante la fase della costruzione, sia durante le ristrutturazioni, sia (e questo è ovvio ndr) durante le demolizioni vengono prodotti rifiuti. .

Gestione dei rifiuti in cantiere: quali differenze a seconda delle diverse fasi di produzione?

I rifiuti prodotti in fase di costruzione / ristrutturazione e quelli prodotti dalle demolizioni si differenziano profondamente sopratutto per quanto riguarda la grande disomogeneità che caratterizza i rifiuti di demolizione.

Come classificare le diverse tipologie di rifiuto?

I rifiuti possono essere classificati e suddivisi in base alla loro origine. Secondo questo schema possiamo quindi avere rifiuti urbani, prodotti dalle attività domestiche (D.Lgs. 116/2020) o comunque rifiuti aventi caratteristiche affini ai rifiuti di attività domestiche, oppure abbiamo i rifiuti speciali, che sono tutti quelli che provengono da attività di produzione.

Scriminante per definire e dividere le due categorie di rifiuti.

Ciò che differenzia i rifiuti “domestici” dai rifiuti speciali è il loto livello di pericolosità. Il livello della pericolosità viene indicato per i rifiuti di cantiere secondo quanto previsto dall’Elenco Europeo dei Rifiuti CER.

Come leggere il codice CER!

Il codice CER è un codice di sei cifre formato da tre coppie di numeri. La prima coppia indica la categoria o l’attività che ha prodotto il rifiuto, la seconda indica il processo di produzione dei rifiuti e la terza caratterizza il singolo rifiuto.

Gestione dei rifiuti in cantiere: il deposito temporaneo.

Durante i lavori edili si formano spesso depositi temporanei dove vengono accumulati rifiuti. A disciplinare precisamente questi casi è la stessa legge che con l’art. 183 comma 1 lett. m) del D.lgs. 152/2006 e successive modifiche da una definizione chiara e univoca di deposito temporaneo.

Secondo il decreto legislativo 152 un deposito temporaneo in cantiere è “un raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui gli stessi sono prodotti”. Il deposito temporaneo deve però rispettare alcuni punti fermi per poter essere “a norma di legge”.

Tra le prescrizioni del d.lgs 152 ricordiamo quella relativa al luogo di ubicazione del deposito che deve coincidere con il luogo di produzione dei rifiuti edili e nel nostro caso si tratta del cantiere. Inoltre i rifiuti di un deposito temporaneo devono essere raggruppati per categorie omogenee di rifiuti nel rispetto delle norme tecniche e nel pieno rispetto delle normative che disciplinano il deposito di rifiuti pericolosi, non devono contenere agenti nocivi, devono essere smaltiti secondo le modalità indicate dal produttore.

Sei un geometra e vuoi approfondire l’argomento sulla gestione dei rifiuti in cantiere?

Vuoi acquisire nozioni e competenze per gestire in autonomia le principali fasi dello smaltimento dei rifiuti in un cantiere?

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi