venerdì, agosto 23, 2019
0 Carrello
Professionisti

Georientiamoci: il progetto della Categoria che aiuta gli adolescenti ad accostarsi alla professione di geometra

“Georientiamoci. Una rotta per l’orientamento”, rivolto in particolare agli studenti delle seconde e terze classi delle scuole medie, i geometri liberi professionisti iscritti ai Collegi territoriali affiancano studenti, scuola e famiglie nel processo didattico-formativo

Georientiamoci. Una rotta per l’orientamento professionale dei geometri!
1.07KVisite

“Il nostro impegno va in due direzioni: proporre strumenti innovativi utili a fare emergere abilità e attitudini del singolo studente; portare a conoscenza dei ragazzi e delle famiglie la professione di geometra, il percorso di studio proposto dagli istituti tecnici ad indirizzo CAT, le opportunità professionali e formative. Vogliamo contribuire a colmare il gap tra formazione e lavoro offrendo quanto occorre ai giovani per stare sul mercato e al Paese per ritrovare la via dello sviluppo»”. Così il Presidente Maurizio Savoncelli, in una intervista pubblicata oggi dal quotidiano economico finanziario Italia Oggi, sul progetto di orientamento didattico “Georientiamoci. Una rotta per l’orientamento”

I geometri sono stati tra le prime categorie professionali a proporre al mondo scolastico un percorso di orientamento strutturato su base nazionale, che mette a sistema tutti gli attori coinvolti: dirigenti, docenti, studenti, famiglie. La mission di “Georientiamoci. Una rotta per l’orientamento” è chiara: svolgere un’azione di contrasto al fenomeno della dispersione scolastica che in Italia è ancora troppo elevata, ed esplode nel primo biennio delle scuole superiori.

Ne deriva, come illustra il Presidente Maurizio Savoncelli, “l’importanza di guidare gli studenti delle scuole secondarie di primo grado a una scelta consapevole dell’indirizzo di studi successivo, offrendo loro validi percorsi di orientamento. Perché non possono essere lasciati soli. E non si può prescindere dal fattore occupabilità, che si traduce nella maggiore attenzione allo sviluppo delle competenze e all’apprendimento attraverso il fare”. Con “Georientiamoci. Una rotta per l’orientamento”, rivolto in particolare agli studenti delle seconde e terze classi delle scuole medie, i geometri liberi professionisti iscritti ai Collegi territoriali affiancano studenti, scuola e famiglie nel processo didattico-formativo, il cui obiettivo è consentire loro di individuare percorsi e strumenti idonei a realizzare le proprie aspirazioni. Da qui il duplice impegno della categoria, delineato dallo stesso Presidente Savoncelli: “Il nostro impegno va in due direzioni: proporre ai dirigenti scolastici e agli insegnanti referenti strumenti innovativi e tecnologicamente avanzati, utili a fare emergere le abilità e le attitudini autentiche del singolo studente; portare a conoscenza dei ragazzi e delle famiglie la professione di geometra, il percorso di studio proposto dagli istituti tecnici indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio (CAT), le opportunità professionali e formative al termine del quinquennio. In entrambi i casi, l’obiettivo è il medesimo: contribuire al superamento della dicotomia tra orientamento scolastico e orientamento professionale e assegnare maggiore efficacia a un’azione orientativa finalizzata a colmare il gap tra formazione e lavoro: quello che serve ai giovani per stare sul mercato e al Paese per ritrovare la via dello sviluppo”.

Anche il Vice Presidente CNGeGL Antonio Benvenuti, responsabile del progetto, è intervenuto sul tema, per sottolineare i tre pilastri su cui poggia “Georientiamoci. Una rotta per l’orientamento”, che ha raggiunto ormai la quinta edizione: strumenti, metodologia e squadra.

In particolare, “il laboratorio didattico BaM (Building and Modeling) è uno strumento didattico a elevato contenuto tecnologico, basato su una Web app, appositamente sviluppata da GEOWEB, che consente agli studenti delle scuole medie di sperimentare la progettazione della propria classe in 3D. Il sito di progetto costituisce un ausilio prezioso per tutti gli attori coinvolti nelle politiche di orientamento, con informazioni sui contenuti, gli eventi e le attività, un blog, la rassegna stampa, le gallerie fotografiche e i social. La squadra dei referenti territoriali è composta da oltre 300 geometri che hanno assunto il compito, con il sostegno organizzativo della Fondazione Geometri Italiani, di avviare e consolidare i rapporti con le scuole, le famiglie e gli studenti e svolgere attività di orientamento e formazione”.

Infine, il Consigliere nazionale CNGeGL e Consigliere di Fondazione, Pasquale Salvatore, anch’egli alla guida del progetto pone l’attenzione sul modello organizzativo di “Georientiamoci. Una rotta per l’orientamento”, che vede come attori principali (oltre ai geometri liberi professionisti nel ruolo dei referenti) i Collegi territoriali, istituzioni di riferimento locali e interne alla Categoria. “Abbiamo sviluppato una vera e propria «rete» radicata sul territorio e coordinata dal centro (la Fondazione Geometri Italiani), capace di valorizzare le buone pratiche e le migliori professionalità delle esperienze passate, ampliandole e attualizzandole. Per migliorare e ottimizzare i rapporti con gli attori coinvolti nel processo scolastico e orientativo abbiamo affidato agli interlocutori locali la responsabilità di creare il collegamento ideale con tutti i soggetti e dialogare direttamente con loro, per dare garanzia di continuità nei riferimenti. I Collegi provinciali rappresentano il veicolo ideale per la diffusione delle informazioni che riguardano il mondo della libera professione e per assistere i giovani, le famiglie e il personale scolastico nel suo complesso. Un ruolo di sostegno svolto con spirito di servizio, nella consapevolezza di essere un punto di riferimento per il territorio e la società”.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi