giovedì, Febbraio 22, 2024
0 Carrello
Catasto

Diritto di Prelazione terreni agricoli: guida definitiva

Diritto di Prelazione agricola. Caratteristiche, normative, mancata comunicazione e casistiche particolari.

Diritto di Prelazione terreni agricoli: guida definitiva
366Visite

Il concetto di diritto di prelazione in ambito agricolo rappresenta una clausola legale cruciale nel settore immobiliare rurale. Questo diritto si configura come una sorta di “opzione prioritaria” per l’acquisto di terreni agricoli, riservata a specifiche categorie di soggetti. Fondamentalmente, se un proprietario decide di alienare un terreno agricolo che rientra nei parametri legali definiti, deve prima proporre l’acquisto a coloro che detengono il diritto di prelazione, solitamente alle stesse condizioni offerte ad acquirenti esterni.

  1. Termini e condizioni di applicazione del diritto di prelazione.
  2. Il Diritto di Prelazione Agricola secondo le Leggi Italiane
  3. Conseguenze della Mancata Comunicazione.
  4. Eccezioni alla Disciplina del Diritto di Prelazione.
  5. Natura Agricola del Terreno e Diritto di Prelazione.
  6. Terreni Parzialmente Agricoli.
  7. Sei un geometra? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Diritto di Prelazione agricola. Caratteristiche, normative, mancata comunicazione e casistiche particolari.

Il diritto di prelazione è stato introdotto per proteggere i piccoli proprietari e i lavoratori agricoli, consentendo loro di consolidare o ampliare le loro proprietà agricole. Questo diritto viene spesso concesso ai proprietari di terreni confinanti, contribuendo a prevenire la frammentazione eccessiva delle proprietà agricole.

Termini e condizioni di applicazione del diritto di prelazione.

Le leggi specificano i criteri e i tempi per l’esercizio del diritto di prelazione, come il termine entro cui manifestare interesse all’acquisto. Il mancato rispetto degli obblighi di notifica può comportare sanzioni legali e potenzialmente annullare la vendita. Secondo legge il terreno deve essere offerto a chi ha diritto di prelazione in condizioni paritarie rispetto ad altri potenziali acquirenti.

Il Diritto di Prelazione Agricola secondo le Leggi Italiane

Il diritto di prelazione agricola è un aspetto fondamentale della normativa italiana, che trova le sue radici in diverse leggi, tra cui l’articolo 8 della Legge n. 590 del 1965 e l’articolo 7 della Legge 817 del 1971. Queste disposizioni legali giocano un ruolo cruciale nel mantenimento dell’integrità e della sostenibilità del settore agricolo, offrendo una protezione specifica ai lavoratori e ai proprietari agricoli.

Iniziamo con l’articolo 8 della Legge n. 590 del 1965, che regola il diritto di prelazione in situazioni di vendita o di enfiteusi di terreni agricoli. Questa normativa si concentra in modo particolare sui terreni dati in affitto a coltivatori diretti o in forme similari, escludendo quelli oggetto di contratti stagionali. Qui, il diritto di prelazione è destinato agli affittuari di questi terreni, ma con la condizione che rispettino determinati criteri specifici. Un aspetto chiave è il requisito che i coltivatori debbano aver lavorato il terreno per un periodo minimo di due anni per essere considerati idonei. La legge, inoltre, impone limiti alla superficie del terreno che può essere acquistato, per prevenire l’accumulo eccessivo di terra e favorire una distribuzione equa delle risorse agricole.

Passando all’articolo 7 della Legge 817 del 1971, troviamo una specifica estensione del diritto di prelazione ai terreni agricoli confinanti. Questo articolo amplia la categoria dei beneficiari includendo mezzadri, coloni e imprenditori agricoli professionali. Sono definite inoltre condizioni specifiche, come la data di stipula dei contratti o il possesso di terreni confinanti, che sono fondamentali per l’esercizio di questo diritto. Interessante notare che il diritto può essere esercitato sia individualmente sia in forma collettiva da parte dei beneficiari, offrendo così una flessibilità operativa.

Per quanto riguarda la procedura operativa, la Legge n. 590 del 1965 specifica in dettaglio i passaggi necessari per l’esercizio del diritto di prelazione. Ciò include i termini entro cui deve essere esercitato il diritto e le modalità di notifica che il proprietario deve seguire per informare adeguatamente i potenziali beneficiari. Queste procedure sono essenziali per garantire che il diritto di prelazione sia esercitato in modo trasparente e equo.

Conseguenze della Mancata Comunicazione.

In caso di omissione della notifica, chi detiene il diritto di prelazione può riscattare il terreno entro un anno dalla registrazione del contratto di vendita.

Eccezioni alla Disciplina del Diritto di Prelazione.

Il diritto di prelazione non si applica in casi come permute, vendita forzata, fallimento, espropriazione per pubblica utilità, o destinazione a usi non agricoli. La giurisprudenza ha chiarito l’inapplicabilità in situazioni quali donazioni indirette o vendite a prezzo vantaggioso.

Natura agricola del terreno e Diritto di Prelazione.

La Corte d’Appello di Venezia, con una sentenza del 28 ottobre 2021, ha fornito chiarimenti cruciali sulla classificazione di un terreno come agricolo ai fini del diritto di prelazione. La destinazione del terreno al momento della vendita e dell’esercizio del diritto è determinante.

Terreni parzialmente agricoli.

La stessa sentenza affronta la situazione dei terreni parzialmente agricoli, stabilendo che il diritto di prelazione si applica solo alla parte effettivamente classificata come agricola.

Sei un geometra? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare da solo il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNGeGL.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi