mercoledì, Ottobre 4, 2023
0 Carrello
Edilizia

Consolidamento fondazioni di un condominio di due unità, sulle splendide colline toscane.

Consolidamento fondazioni di un condominio di due unità, sulle splendide colline toscane. Tecnica mista Pali Precaricati e Resine a Densità differenziata.

Consolidamento fondazioni di un condominio di due unità, sulle splendide colline toscane.
426Visite

Tecnica mista Pali e Resine per stabilizzare le fondazioni: Micropali Precaricati pressoinfissi e iniezioni di resine espandenti per il consolidamento fondazioni di un mini condominio sulle colline toscane.

Luogo delle opere: RIGNANO SULL’ARNO FI

Di norma si individua una tecnologia di consolidamento che ottimizzi il rapporto risultato – costi – bassa invasività e si procede con lo stesso sistema su tutto il fabbricato da consolidare. Capita però che per ridurre i costi o non intervenire in modo invasivo sui muri interni, si opti per soluzioni miste.

Consolidamento fondazioni di un condominio di due unità, sulle splendide colline toscane. Tecnica mista Pali Precaricati e Resine a Densità differenziata.

Nel caso che descriveremo sinteticamente di seguito, si è optato di:

  • consolidare l’angolo di valle, interessato dai maggiori cedimenti, con MicroPali Precaricati impostati su un nuovo cordolo di fondazione
  • consolidare il nodo terreno – fondazione di tutto il resto della struttura con iniezioni di resina a lenta espansione

Tipologia di Problematica affrontata

Parliamo di un piccolo condominio composto da 2 unità abitative e situato sulle splendide colline di Rignano sull’Arno in provincia di Firenze.

Il fabbricato è stato realizzato interamente in muratura e negli ultimi anni ha subito un progressivo dissesto dovuto a cedimenti differenziali del terreno. Il cedimento più evidente si è verificato nell’angolato sud, con tipiche lesioni a 45° passanti su entrambi i lati. Però un po’ tutta la struttura ha subito movimenti seppur più lievi, che hanno danneggiato sia i muri interni che pavimentazione e solai, interessati da diverse fessurazioni e crepe.

Il quadro fessurativo descritto ha convinto i Proprietari ad intervenire con un consolidamento completo della struttura, intervento con tecnica mista Pali – Resine su tutto l’edificio. 

Consolidamento dell’intera struttura con pali precaricati sull’angolata peggiore e iniezioni di resina diffusa su tutto il resto dell’impronta fondale

I Tecnici della Committenza hanno valutato le possibili tecnologie di consolidamento delle fondazioni, orientandosi però fin da subito su fondazioni profonde. Infatti in situazioni geotecniche dove i cedimenti interessano strati di terreno molto importanti, i micropali rappresentano certamente la soluzione più sicura. Tra le varie metodologie gli Ingegneri si sono orientati sui Pali Precaricati di SYStab, infatti questa tipologia di micropalo presenta indubbi vantaggi rispetto ai metodi di palificazione tradizionali. Visto che l’intervento risultava troppo invasivo per operare sui muri interni si è deciso di combinare i micropali con le iniezioni di resine espandenti a densità differenziata

L’opera è stata realizzata secondo le seguenti fasi operative:

  • scavo e costruzione di un nuovo cordolo in c.a. solidarizzato alle murature esistenti
  • predisposizione di idonei tubi camicia all’interno del cordolo stesso
  • getto del nuovo cordolo in cemento armato
  • maturazione del getto (circa 28 giorni)
  • infissione dei pali con monitoraggio continuo delle pressioni di installazione, fino al raggiungimento delle portate/profondità di progetto
  • precarico di ogni palo con pressioni superiori a quelle di esercizio
  • fissaggio finale di tutti i pali al collare dei tubi camicia
  • iniezione di resine a lenta espansione al di sotto di tutti i muri non consolidati con i micropali.

Vantaggi del consolidamento fondale con pali precaricati e resine espandenti

Il consolidamento fondazioni con pali precaricati ha permesso di stabilizzare l’angolo interessato dai cedimenti più gravi, ridando sicurezza e permettendo il ripristino delle crepe nei muri.  Questa metodologia di consolidamento ha svariati vantaggi che la caratterizzano rispetto alle tradizionali tecniche e abbinata alle iniezioni di resina permette di risolvere la stragrande maggioranza dei dissesti:

  • tempi di messa in opera molto rapidi rispetto alle metodologie classiche
  • non produce alcun materiale di risulta
  • non vengono impiegati normalmente né fanghi né acqua (cantiere asciutto idoneo anche in ambienti stretti e interni)
  • non produce alcuna vibrazione dannosa per le sovrastrutture
  • la portata di ogni micropalo viene testata in corso d’opera
  • precarico per l’annullamento dei cedimenti primari per tutti i pali
  • possibilità di sollevamenti e recupero della planarità se la struttura lo consente e ne ha necessità.

Il lavoro di infissione micropali e iniezione di resine è durata solamente 7 giorni ed ha consentito l’infissione di 13 micropali diametro 114 mm e lunghezza media 10 metri, compreso il fissaggio finale dei micropali ai tubi camicia. Sono inoltre stati consolidati circa 75 metri lineari di muratore, mediante iniezione nel terreno di resine a lenta espansione

La tecnologia impiegata ha consentito di operare rapidamente, con disagi minimi e senza produrre sollecitazioni dannose per la struttura abitata.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi