domenica, Marzo 3, 2024
0 Carrello
Riforma catasto

Al via una nuova era per il catasto italiano

Catasto Online: i tecnici professionisti potranno inviare alll’Agenzia delle Entrate, i documenti Docfa e Pregeo solo via internet, utilizzando il software messo a disposizione dalle Entrate

1.68KVisite

Una nuova era per il catasto italiano. Basta scartoffie  e errori, basta ai corridoi di docuementi, dai ieri, lunedì primo giugno, è scattato, per i professionisti abilitati,  l’obbligo di comunicare esclusivamente via Web con l’Agenzia delle Entrate.

Come è noto, in caso di nuove costruzioni o se si effettuano variazioni su un immobile come fusioni, frazionamenti, ampliamenti o ristrutturazioni, è necessario presentare all’Agenzia delle Entrate i documenti Docfa e Pregeo, per consentire l’aggiornamento della banca dati del catasto. Fino a pochi giorni fa l’invio telematico è stato possibile in via facoltativa: da ieri invece, geometri, ingegneri, architetti, dottori agronomi e periti, potranno inviare gli atti di aggiornamento del catasto solo via internet, utilizzando il software messo a disposizione dalle Entrate.

Con l’invio tramite web, i professionisti possono trasmettere le istanze di aggiornamento catastale all’Agenzia delle Entrate comodamente dal proprio ufficio, senza doversi recare presso gli sportelli, in ogni giorno della settimana e in qualunque momento della giornata.

Attraverso la ricezione dei dati in formato digitale, l’Agenzia delle Entrate punta anche a migliorare notevolmente la qualità dei dati catastali e a snellire i tempi necessari per l’aggiornamento della banca dati del catasto, con un risparmio di risorse e una maggiore trasparenza.

Per agevolare il passaggio di abitudine, l’agenzia delle entrate garantisce in questa fase di avvio un continuo supporto ai tecnici professionisti, anche per i casi di irregolare funzionamento del servizio telematico, al fine di consentire quindi la ricezione di tutti gli atti di aggiornamento, sottoscritti con firma digitale.

Per meglio comprendere; caratteristiche del catasto italiano?

Il catasto terreni italiano è strutturato per puri motivi fiscali; per questo vengono calcolati per ogni immobile due redditi:

  • reddito dominicale

  • reddito agrario.

 

Il catasto oggi vigente in Italia è, come recita il primo articolo della sua legge istitutiva, “geometrico”, particellare e non “probatorio”. Le sue registrazioni non hanno valore di piena prova della proprietà, ai sensi della definizione nella norma del 1886. Nel catasto ordinario, infatti, le schede relative alla conservazione del catasto fabbricati sono “intestate” ai nomi, non ai beni.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi