lunedì, Novembre 28, 2022
0 Carrello
Catasto

Voltura 2.0 – Telematica: le principali novità nella gestione delle domande di voltura catastale

A partire dal 1° ottobre 2022, diverrà obbligatorio l’utilizzo della nuova procedura informatica "Voltura 2.0 – Telematica" per la predisposizione e la presentazione delle domande di volture catastali.

Volture catastali 2.0
1.09KVisite

Autore:  Giuseppe Scrufari Hedges.

A partire dal 1° ottobre 2022, diverrà obbligatorio l’utilizzo della nuova procedura informatica “Voltura 2.0 – Telematica” per la predisposizione e la presentazione delle domande di volture catastali. Questa procedura, attiva già dal 10 febbraio 2021 (attraverso provvedimento, prot. n. 40468/2021) sostituirà definitivamente Voltura 1.1.

La finalità è quella di favorire il corretto aggiornamento delle banche dati catastali, tramite l’inserimento d’informazioni attendibili, coerenti e verificate, nonché di promuovere la compliance” spiega l’Agenzia delle Entrate.

Si tratta di un altro passo verso il lungo processo di digitalizzazione dei documenti. Voltura 2.0 infatti, “risulta contestuale al progressivo rilascio, in ciascun Ufficio Provinciale – Territorio dell’Agenzia delle Entrate, della nuova piattaforma informatica denominata SIT (Sistema Integrato Territorio), nata dall’evoluzione del sistema informativo catastale verso un modello georeferenziato che, attraverso l’integrazione dei dati censuari, grafici e cartografici, consente la puntuale localizzazione di ciascun immobile sul territorio, unitamente ai dati che ne perfezionano la descrizione e ne individuano il relativo valore fiscale.

Vediamo e commentiamo in sintesi le principali novità nella presentazione della domanda di voltura descritte nell’allegato tecnico dell’Agenzia delle Entrate.

Compilazione della domanda di voltura: come fare?

Nella fase di compilazione vi sono cambiamenti nella “logica”: infatti è ora obbligatorio compilare le domande di voltura soltanto con “Informazione ditta” corrispondente a “In sostituzione di” e non più come “Nuova ditta/Intestazione completa”, modalità che invece era molto usata dai tecnici e tramite la quale si riusciva a risolvere situazioni particolarmente complicate.

Nello specifico sarà quindi necessario che la somma delle quote e dei diritti “a favore” corrisponda alla somma delle quote e dei diritti dei soggetti “contro” secondo precise regole per la verifica della “quadratura dei diritti

In alcune fattispecie, inoltre, il medesimo soggetto potrà essere presente sia come soggetto contro che come soggetto a favore (es. permute, divisioni ecc.).

Presentazione di una domanda di annotamento

L’ Agenzia delle Entrate specifica che: “La tipologia di ‘Annotamento’ (sottoposta al pagamento della sola imposta di bollo) si aggiunge a quelle già presenti in “Voltura 1.1” (Afflusso, Pre-allineamento, Recupero da voltura automatica). Questa è utilizzabile quando l’effetto della domanda non è quello di trasferire la titolarità di un immobile da un soggetto a un altro, ma solo di perfezionare l’intestazione già presente nella banca dati catastale, in atti a seguito di regolare domanda di volture.

Coniugi non comparenti

È prevista una apposita sezione dove indicare i Coniugi non comparenti, indicando i quali è possibile ottenere una voltura catastale telematica che riporti correttamente i dati degli intestatari quando il comparente in atto sia coniugato in regime di comunione legale ma intervenga da solo all’acquisto.

In questo caso tale atto si riverbera (ex art. 177 c.c.) automaticamente anche a favore del coniuge non intervenuto. Il coniuge non comparente non deve essere indicato nelle quote “a favore” in quanto automaticamente tutti gli immobili collegati al comparente in atto verranno volturati anche a favore del coniuge in comunione.

Recupero di voltura automatica

Capita spesso che vi siano volture non andate a buon fine. In tal caso sarà necessario presentare una o più domande di voltura catastale reintroducendo tutti i dati nel software ministeriale. Per il notaio ed il professionista questo però significa ripetere tutto il lavoro già effettuato.

Fase Post Compilazione

Nella fase post compilazione e relativa alla liquidazione degli importi dovuti sono stati effettuati miglioramenti riassumibili in:

  • Liquidazione automatica con il pagamento dei bolli e dei tributi della Voltura addebitati nel deposito personale del professionista (“castelletto”), nel caso in cui il documento venga approvato, e quindi con l’eliminazione del modello F24 evitando il relativo bonifico.
  • Calcolo automatico del ravvedimento operoso, barrando l’apposita casella. In questo caso, l’applicativo effettua il calcolo del pagamento, comprensivo anche degli importi dovuti per sanzioni e interessi.

Al momento dell’invio, Il tasto “Verifica documento” permette il controllo formale della domanda. Se il risultato è positivo, verrà mostrata una tabella contenente il riepilogo del pagamento dovuto per inviare la domanda. In caso contrario, gli eventuali errori di validazione bloccheranno l’esportazione del documento e sono visionabili cliccando il simbolo rosso.

Inoltre, mediante la funzionalità “Risultanze Catastali”, è possibile visualizzare l’intestazione attuale dell’immobile, come presente in banca dati. Tramite il collegamento “Visualizza”, si potranno consultare anche i dati (tipo di atto, data, estremi di registrazione) dell’ultimo documento ipotecario, associato all’immobile.

Problematiche non ancora risolte

Sebbene la nuova procedura Voltura 2.0 rappresenti un sostanziale miglioramento nella fase post compilazione rispetto alla precedente versione Voltura 1.1, il tecnico abilitato alla presentazione delle domande si troverà comunque a dover imputare manualmente tutti i dati necessari, in base alla tipologia di domanda, compilando ed allegando la documentazione di supporto caso per caso.

Indubbiamente l’imputazione manuale dei dati, oltre a richiedere un discreto dispendio di tempo soprattutto quando i dati relativi ai soggetti interessati e gli immobili e relativi diritti reali sono decine se non centinaia, può anche comportare errori che impediscono la successiva verifica di congruità con il rischio di dover rifare tutto da capo più volte.

Domande di voltura: i vantaggi nell’uso del software Expert Volture Catastali realizzato da Geo Network

Per ovviare a questi problemi e per permettere al tecnico un risparmio notevole di tempo nell’imputazione dei dati nonché nella stesura facilitata dei documenti di supporto da allegare alle domande, con conseguente riduzione dei rischi di errori, la software house Geo Network S.r.l., con oltre 25 anni di esperienza diretta in materia successoria e nello sviluppo di software per la gestione di successioni, volture catastali, trasferimenti e locazioni immobiliari, ha realizzato un apposito nuovo strumento software Expert Volture Catastali, studiato “ad hoc” per velocizzare, semplificare e impostare correttamente le domande di voltura esportabili direttamente in Voltura 2.0 – Telematica da parte dei tecnici ed altri professionisti abilitati.

In breve, Expert Volture Catastali permette di redigere in pochi minuti ed in modo semplice e guidato, domande di voltura di qualsiasi tipo. Le pratiche potranno essere create sia “vuote” (predisposte per la successiva compilazione manuale), oppure generate a partire da una visura catastale in formato PDF – con acquisizione automatica di tutti i dati relativi ai soggetti che gli immobili.

Con questa importazione verranno automaticamente inseriti:

  • gli immobili oggetto di voltura (sia per il catasto fabbricato che per il catasto terreni);
  • soggetti “contro” (ed eventualmente i soggetti “favore”);
  • relativi diritti e le relative quote.

Andranno poi specificati, nel caso di creazione da una visura in formato PDF, soltanto i dati dell’atto ed i dati dei soggetti a favore, che comunque potranno essere prelevati anche da altri documenti.

Le domande di voltura così predisposte con l’utilizzo di Expert Volture Catastali saranno quindi già pronte e verificate all’interno del software stesso e pronte per l’esportazione diretta in Voltura 2.0 sulla piattaforma dell’Agenzia delle Entrate (Scrivania del Territorio) per i successivi passaggi relativi al pagamento delle imposte e tributi dovuti ed il rilascio delle relative ricevute.

E per i casi particolari, ora non più risolvibili dovendo utilizzare la modalità “In sostituzione di”, Expert Volture Catastali permette anche di stampare i modelli cartacei (Mod. 17T – 98TP e Mod. 18T – 13TP e relativi intercalari) con la possibilità di indicare l’intera nuova intestazione catastale derivante dalla voltura.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi