mercoledì, Febbraio 21, 2024
0 Carrello
Attualità

Tessera professionale europea per cinque professioni

Dal 18 gennaio infermieri, farmacisti, fisioterapisti, guide alpine e agenti immobiliari potranno registrarsi sul sito ECAS per richiedere la tessera professionale europea

1.51KVisite

Sono entrate in vigore il 18 gennaio 2016 le procedure di rilascio della tessera professionale europea (European Professional Card, EPC), il certificato elettronico che attesta il  riconoscimento delle qualifiche professionali in un altro Paese comunitario. Le procedure, che si avvalgono del sistema di informazione del mercato interno (IMI), per il momento sono usufruibili solo da cinque professioni: infermieri, farmacisti, fisioterapisti, guide alpine e agenti immobiliari. Per le altre professioni bisognerà attendere.

 “La tessera professionale europea offre la possibilità di stimolare la mobilità transfrontaliera dei liberi professionisti, ma il primo passo è quello di dare il via a un lavoro di concertazione per arrivare a definire quadri comuni di formazione, che avrebbero dovuto essere condizione preliminare allo sviluppo della tessera”, ha sottolineato il presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella. “La mobilità dei professionisti che tutti intendiamo favorire dipende, certamente, da un contesto normativo flessibile e funzionale; ma può essere innescata soltanto da sostegni concreti a un settore oggi fiaccato ed impoverito. Se i professionisti non avranno le risorse per rispondere alle nuove sfide del mercato del lavoro e alla crescente pressione economica a cui sono sottoposti, difficilmente riusciranno ad apportare il proprio contributo alla competitività, all’occupazione e alla crescita economica in Europa”.

 La novità principale introdotta dalla tessera professionale europea, consiste nel maggior coinvolgimento delle autorità competenti dello stato membro di origine, a cui è inoltrata la domanda di riconoscimento e che deve accertarsi della validità e autenticità dei documenti presentati. Il professionista potrà beneficiare, quindi, di una semplificazione delle procedure e una riduzione degli oneri amministrativi, grazie ad esempio al fatto che non servirà presentare traduzioni o copie certificate. Inoltre, le informazioni restano salvate nel proprio dossier IMI e ciò permette di risparmiare tempo in caso si volessero presentare successive domande. Si prevede anche una riduzione dei ritardi grazie all’introduzione del principio del riconoscimento tacito, se non si ricevesse una risposta entro un termine stabilito. La validità dell’EPC sarà permanente, nel caso di stabilimento, o di 18 mesi nel caso di mobilità temporanea (ridotti a 12 in caso di professione con impatto sulla salute o sulla sicurezza pubblica ndr).

Come richiedere il rilascio della tessera professionale europea?

 Concretamente, per richiedere la tessera professionale europea i professionisti devono registrarsi al sito ECAS, il servizio di autenticazione della Commissione , creando un proprio profilo completo di dati personali e recapiti. Da qui si presenta la domanda: si caricano i documenti scansionati e li si invia all’autorità competente dello stato membro ospitante. L’esame del fascicolo da parte delle autorità competenti potrebbe comportare l’applicazione di una tariffa. È inoltre reso disponibile un sistema centralizzato online (link) che consente di verificare l’autenticità e la validità dell’EPC, previo inserimento del numero di riferimento relativo e dei dati di identificazione personale: ciò è utile per terze parti interessate, ad esempio datori di lavoro, che non hanno accesso al sistema IMI.

 

 

 

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi