sabato, Giugno 6, 2020
0 Carrello
Attualità

I passi in avanti della categoria dei geometri alla Lotta contro il Coronavirus

Giungono i primi risultati delle iniziative condotte e annunciate dal Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati.

Passi avanti della categoria dei geometri alla Lotta contro il Coronavirus
420Visite

Giungono i primi risultati delle iniziative condotte e annunciate dal Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati.

Alla lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte si aggiunge l’invio ai componenti della Commissione 5° Bilancio del Senato degli emendamenti al DL n. 18 del 17 marzo 2020. Due testi fondamentali con cui i professionisti affermano la determinazione di voler essere parte attiva nella definizione delle misure per contrastare l’emergenza coronavirus e chiedono di poter accedere a tutti gli strumenti di tutela del lavoro e della salute. Non è tutto. Ai microfoni di Radio24 il Consigliere Marco Leonardi del Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri fa un importante anticipazione: “anche i professionisti che fanno capo alle casse professionali avranno l’una tantum di 600 euro

“Entrambe le iniziative – dichiara il Presidente CNGeGL Maurizio Savoncelli – sono frutto dell’impegno congiunto di chi rappresenta la più ampia parte delle professioni ordinistiche italiane, o meglio la Rete Professioni Tecniche e il Comitato Unitario Professioni. Di chi ha profonda contezza delle esigenze e delle difficoltà che vivono e accomunano – nessuno escluso – gli iscritti ai 21 ordini rappresentati, di chi è assolutamente consapevole che solo agendo in maniera unitaria è possibile tutelare gli interessi generali di 2,3 milioni di professionisti. Intervenire in maniera unitaria non è solo una possibile via da seguire, probabilmente la più sensata e opportuna, ma un preciso obbligo che il Consiglio Nazionale ha inteso assumere per la tutela dei propri iscritti”.

E’ questo la nuova comunicazione del Presidente CNGeGL Maurizio Savoncelli, in cui gli esiti delle primissime iniziative a favore della categoria per l’emergenza sanitaria COVID – 19, vengono portati a conoscenza dei componenti dell’ampia platea degli iscritti, trame un invio dedicato a ciascuno.

Ai punti considerati essenziali dalle sigle firmatarie che emergono immediatamente nella lettera inviata al Premier Giuseppe Conte, e vengono ripresi dai principali media, si unisce la lista degli emendamenti consegnata ai componenti della Commissione 5° Bilancio del Senato. Le integrazioni al DL n. 18 del 17 marzo 2020 (“Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”) sostengono con decisione come i professionisti abbiano necessità di strumenti straordinari che garantiscano la liquidità finanziaria e permettano loro di superare lo stato di crisi che si è venuto a determinare in un arco temporale brevissimo.

Pur trattandosi di un’informazione, infine, la dichiarazione ai microfoni di 24 Mattino su Radio 24 di Marco Leonardi, Consigliere del Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, si somma al riepilogo degli sforzi intrapresi a favore della categoria, che stanno iniziando a dare i loro frutti.

In breve, l’esponente del MEF anticipa che: “…ci sono diversi professionisti e diverse partite Iva, quelli singoli e senza dipendenti: ci sono quelli a gestione separata che sono gestiti dall’Inps e che rientrano nei 600 euro, la cui domanda sarà disponibile la settimana prossima e i 600 euro arriveranno nel corso di aprile; e ci sono quelli che stanno nelle casse professionali e che non saranno gestiti da Inps, ma avranno i 600 euro anche loro. In più per tutti i professionisti c’è la moratoria dei debiti come gli altri, 3000 euro di credito garantito all’80%… non li abbiamo lasciati fuori”.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi