domenica, Aprile 14, 2024
0 Carrello
Attualità

Meglio comprare o affittare casa?

Uno studio realizzato da Tecnocasa ha messo a confronto le possibilità di comprare e affittare casa a Milano e a Roma

1.75KVisite

L’Ufficio Studi Tecnocasa ha valutato la convenienza tra il comprare o affittare un bilocale di 55 mq in una zona semicentrale di Milano, e un bilocale di circa 70 mq in una zona semicentrale di Roma.

Comprare o affittare casa? La domanda è une delle più frequenti, quasi un dubbio amletico che migliaia di cittadini italiani si pongono quasi quotidianamente. Tecnocasa ha realizzato un piccolo studio che noi di Unione Geometri abbiamo sintetizzato prendendo in esame la tipologia del bilocale. Lo scopo è quello di fare un poco di chiarezza sulla diversa convenienze del comprare o dell’affittare un casa.

Comprare o affittare casa Milano?

Acquisto, l’immobile costa circa  220.000 € e l’acquirente se decidesse di ricorrere ad un mutuo a tasso fisso di 25 anni che finanzia il 78% del valore, dovrebbe pagare una rata di mutuo di 796 €. L’aquirente pagherà i costi legati all’acquisto della casa e all’accensione del mutuo e avrà un beneficio fiscale grazie alla detrazione degli interessi passivi. Inoltre dovrà pagare le spese di gestione dell’immobile e la Tasi. Per calcolare il valore futuro dell’ immobile bisogna però considerare una rivalutazione annua pari alla media dell’indice Istat degli ultimi 10 anni.

Affitto, chi opta per la locazione paga un canone mensile iniziale di 700 €. L’affitto sarà aggiornato ogni anno in base all’indice Istat, inoltre l’inquilino dovrà pagare annualmente la registrazione del contratto di locazione e la sua parte di Tasi

Dopo 25 anni, ovvero all’estinzione del mutuo la spesa realizzata da entrambi sarà :

  • proprietario circa 91.258 €

  • inquilino circa 167.430 €

Il risultato risulta nettamente a favore della scelta dell’affitto.

Comprare o affittare casa a Roma?

Per quanto riguarda il caso romano invece, l’immobile risulta avere un possibile costo stimato di circa 250.000 € e l’acquirente per poterlo acquistare dovrà quindi ricorrere alla stipula di un mutuo a tasso fisso di 25 anni che finanzierà circa l’80 % del valore dell’immobile, pagando una rata di mutuo di ben 923 €.

Come per il case milanese l’acquirente dovrà pagare i costi legati all’acquisto della casa e all’accensione del mutuo e avrà un beneficio fiscale grazie alla detrazione degli interessi passivi, ma dovrà anche pagare le spese di gestione dell’immobile e la Tasi.

Una volta calcolata la rivalutazione annua su base Istat e considerate le spese relative al possibile affitto si ottiene un risultato finale cosi suddiviso:

  • spesa per il Proprietario di circa 98.209€

  • l’ipotetica spesa per un Inquilino invece , calcolata rapportando il capitale investito e i canoni di locazione più un eventuale differenza rata mutuo/canone risulta essere di circa 228.398€

Un calcolo ipotetico che evidenzia come nella città eterna, a differenza di Milano risulterebbe più conveniente procedere con l’acquisto di una casa.

Per calcolare il valore futuro dell’ immobile abbiamo considerato una rivalutazione annua pari alla media dell’indice Istat degli ultimi 10 anni.

Affitto. Chi opta per la locazione paga un canone mensile iniziale di 850 €. Il capitale a disposizione (di 65.000 €) viene investito in un BTP a 25 anni. L’affitto sarà aggiornato ogni anno in base all’indice Istat. L’inquilino dovrà pagare annualmente la registrazione del contratto di locazione e la sua parte di Tasi.

Differenza rata mutuo-canone e altri costi/benefici. Il modello proposto considera la differenza tra i canoni di locazione e le rate di mutuo. Per esempio, nel primo anno ci sarà una differenza positiva per il locatario (che spende 850 € al mese contro una rata mensile di 923 € per il proprietario). Tale differenza sarà investita in un conto corrente bancario ordinario con tasso di remunerazione dello 0,27% lordo. Allo stesso tasso si investe l’eventuale differenza tra i costi di gestione dell’immobile, i costi della locazione e il beneficio fiscale per la detrazione degli interessi.

Come si può vedere il risultato è a favore di chi ha acquistato.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi