domenica, Ottobre 1, 2023
0 Carrello
Professionisti

Mediazione immobiliare per gli amministratori di condominio

Mediazione immobiliare per gli amministratori condominiali. Siglata l'intesa che permetterà agli amministratori di condominio di velocizzare la composizione delle controversie.

1.47KVisite

Mediazione immobiliare per gli amministratori di condominio. Secondo i dati del ministero di Giustizia, quasi il 40% delle mediazioni immobiliari si chiude con successo se le parti accettano di incontrarsi. “I tempi ed i costi della giustizia civile sono tali da far propendere per la conciliazione”, osserva il presidente Bica Un accordo per promuovere e sostenere la mediazione nella soluzione delle liti condominiali. E’ questo il contenuto dell’intesa siglata dall’ANAMMI, l’Associazione Nazional-europea degli AMMinistratori di condominio, con GEO-CAM, organismo di mediazione dell’Associazione Nazionale Geometri, Consulenti tecnici, Arbitri e Mediatori.

In particolare, l’accordo intende promuovere la soluzione alternativa delle controversie, una n nuova era della mediazione immobiliare, in modo da alleggerire il forte contenzioso che caratterizza il mondo condominiale ed evitare così le forti spese legali delle cause civili. L’amministratore di condominio, in questo quadro, ha un ruolo centrale, poiché, anche nell’ambito della mediazione, ha il ruolo di rappresentare il condominio, dopo essere stato autorizzato in tal senso dell’assemblea condominiale.

“La nostra associazione afferma da tempo che la prima mediazione immobiliare passa per l’amministratore” commenta Giuseppe Bica, presidente dell’ANAMMI “Inoltre, i tempi ed i costi della giustizia civile sono tali da far propendere per la conciliazione che, per legge, è divenuta un passaggio obbligatorio. Ad incoraggiarci, sono i numeri della stessa mediazione, che sta acquistando spazi importanti”.

Secondo le statistiche del ministero della Giustizia, nei primi sei mesi del 2015, si sono definite 10.685 procedure di mediazione, a fronte di oltre 12mila procedimenti iscritti. Sul totale complessivo delle procedure, l’11% riguarda la materia condominiale. Il 25% delle mediazioni si chiude con successo, ma la percentuale sale a quasi il 40% se le parti hanno accettato di incontrarsi.

A conferma della fiducia crescente nei confronti dello strumento conciliatorio, secondo i dati del ministero della Giustizia, nel 54% dei procedimenti condominiali è comparso l’aderente, vale a dire la parte convenuta. Il valore medio di una mediazione è, in genere, pari a 7500 euro mentre, per raggiungere l’accordo, occorrono in media 98 giorni. Un ottimo risultato rispetto alle 844 giornate calcolate per una normale causa civile. L’attivazione della procedura di mediazione è semplice e veloce: basta compilare gli appositi moduli ed entro un mese dalla presentazione della domanda presso l’organismo di mediazione, sarà nominato un mediatore, esperto in materia condominiale, e fissato un primo incontro.

 

Se le parti intendono proseguire con la mediazione, la procedura dovrà essere conclusa entro tre mesi dall’attivazione. “Ci auguriamo”afferma il presidente dell’ANAMMI “ grazie all’accordo con GEO-CAM, di assistere ad una composizione più agevole delle controversie di settore che, come ci dimostrano anche le cronache, rendono sempre più difficile la convivenza in condominio”.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi