mercoledì, Giugno 19, 2024
0 Carrello
Attualità

MAPEI sostiene un progetto di ricerca My First AIRC Grant intitolato a Giorgio e Adriana Squinzi

Assegnato al dottor Francesco Spallotta il My First AIRC Grant per proseguire il suo lavoro di ricerca contro il cancro

MAPEI sostiene un progetto di ricerca My First AIRC Grant intitolato a Giorgio e Adriana Squinzi
232Visite

Continua il supporto di Mapei al mondo della ricerca scientifica, in particolare attraverso la collaborazione con Fondazione AIRC, la principale organizzazione non-profit per il finanziamento della ricerca oncologica indipendente in Italia. L’azienda ha scelto di sostenere un progetto di ricerca My First AIRC Grant (MFAG) intitolato a Giorgio e Adriana Squinzi.

Assegnato al dottor Francesco Spallotta il My First AIRC Grant per proseguire il suo lavoro di ricerca contro il cancro

Il My First AIRC Grant è uno strumento concreto per sostenere i giovani scienziati che offre la possibilità di condurre il proprio lavoro di ricerca in una struttura italiana di eccellenza e diventare progressivamente autonomi e indipendenti.

Il vincitore del Grant è il dottor Francesco Spallotta, che potrà così portare avanti per un biennio il progetto di ricerca dal titolo “Metabolic regulation of the DNA demethylation enzymatic machinery in pancreatic cancer”, presso il Dipartimento di Biologia e Biotecnologie “Charles Darwin” dell’Università Sapienza di Roma, laboratorio affiliato all’Istituto Pasteur Italia – Fondazione Cenci Bolognetti.

I progetti vincitori di un My First AIRC Grant sono selezionati tramite un processo di valutazione basato sul metodo internazionale di peer review per la rilevanza al cancro, l’innovatività e la fattibilità. Il MFAG copre i costi di ricerca, il salario dei titolari dei Grant e lo stipendio di due unità di personale dedicate ai progetti.

Mapei è orgogliosa di continuare a portare il suo contributo concreto al mondo della ricerca, affiancando e sostenendo realtà come AIRC, università ed enti di ricerca. Nel 2022 il sostegno ad AIRC aveva portato l’azienda a istituire, in collaborazione con la Fondazione, una borsa di studio triennale intitolata a Giorgio e Adriana Squinzi per la formazione di un giovane ricercatore e il supporto a un progetto nell’ambito della ricerca oncologica.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi