venerdì, Aprile 12, 2024
0 Carrello
Attualità

Legge di stabilità: quali incentivi per l’efficienza energetica ?

Oltre a confermare le detrazioni del 65% per chi fa interventi di riqualificazione energetica, la legge di stabilità ha introdotto alcune novità sul fronte degli incentivi per l’efficienza energetica.

1.62KVisite

Oltre a confermare le detrazioni del 65% per chi fa interventi di riqualificazione energetica, la legge di stabilità ha introdotto alcune novità sul fronte degli incentivi per l’efficienza energetica . Grazie alla legge di stabilità è nato infatti il bonus del 65% per l’acquisto e la posa in opera delle schermature solari e per le spese sostenute nei prossimi 12 mesi fino a un valore massimo di 60.000 euro.

All’interno della tanto discussa legge di stabilità si registra il mantenimento dell’ecobonus al 65% e dell’ampliamento dello stesso per le spese relative all’acquisto e alla posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili.

Le spese devono essere sostenute nei prossimi 12 mesi fino a un valore massimo della detrazione di 30mila euro.

La legge di stabilità rinnova, inoltre, le detrazioni nella misura del 50% per le ristrutturazioni del 65% per gli interventi di efficienza energetica. Confermata la proroga anche per gli interventi di efficientamento energetico che interessano le parti comuni degli edifici condominiali. Anche questi godranno dell’agevolazione maggiorata al 65% fino al 31 dicembre 2015. Agevolazioni che stanno facendo registrare una continua crescita nella frequenza dei corsi di formazione professionale dedicati agli Energy Manager

Per gli interventi di riqualificazione energetica, restano immutati i tetti massimi di spesa detraibili; 153.846 euro per la riqualificazione energetica; 92.307,69 euro per gli interventi sull’involucro e per l’installazione dei pannelli solari e 46.153,85 euro per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale.

Per tutto il 2015 resta al 65% anche la detrazione delle spese per gli interventi antisismici e di messa in sicurezza statica.

 

La documentazione obbligatoria per fruire delle detrazioni va inviata all’ENEA.

 L’ente nazionale per l’energia svolgerà un ruolo di raccolta e monitoraggio della documentazione relativa alle richieste presentate, nonché un ruolo di assistenza tecnica agli utenti. Negli anni l’ENEA ha infatti riscontrato un continuo e significativo incremento degli interventi di riqualificazione energetica, grazie anche all’innalzamento della detrazione dal 55 al 65%.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi