martedì, Novembre 19, 2019
0 Carrello
Professionisti

Le esecuzioni immobiliari in Italia dopo la riforma: il punto sulle aste telematiche.

Le esecuzioni immobiliari in Italia dopo la riforma: il punto sulle aste telematiche. A Ravenna dati, professionisti, privati, banche e imprese a confronto

Le esecuzioni immobiliari in Italia dopo la riforma
183Visite

Da gennaio 2020 cambiano le modalità di partecipazione alle aste immobiliari. Si potranno infatti presentare le offerte al Tribunale solo in via telematica, necessarie quindi firma digitale e PEC. Per informare i cittadini sulle nuove modalità operative, l’Associazione Notai per le Esecuzioni Immobiliari (ASNES) – in collaborazione con il Consiglio Notarile di Ravenna, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ravenna, l’Associazione per le Associazioni dei professionisti delegati e l’AINC – promuove il convegno “Le esecuzioni immobiliari in Italia dopo la riforma: il punto sulle aste telematiche. Dati, professionisti, privati, banche e imprese a confronto”.

“Il convegno – spiega il notaio Andrea Dello Russo, responsabile scientifico dell’evento e presidente dell’Asnes – oltre a trattare il tema delle nuove modalità operative, analizzerà le problematiche legate alla presentazione dell’offerta telematica e all’aggiudicazione del bene e approfondirà il ruolo del professionista delegato, sia quale delegato alla vendita, che quale delegato alla custodia degli immobili, trattando il contenuto dell’ordinanza di delega, dell’avviso di vendita e facendo una panoramica circa i comportamenti adottati dai diversi Tribunali italiani, nonché la disciplina della pubblicità degli avvisi e delle modalità di esecuzione delle aste telematiche”.

Durante la giornata di venerdì 25 è stato poi approfondito il “progetto esecuzioni” della Cassazione con le analisi delle principali decisioni; inoltre saranno analizzate le cosiddette buone prassi del CSM in materia di esecuzioni immobiliari e la loro attuazione nei Tribunali. La seconda parte del convegno sarà dedicata ad analizzare le problematiche relative alle offerte telematiche e alle nuove opportunità di lavoro che i professionisti possono trarre dal mercato dei crediti NPL o UTP. Un mercato che richiede figure specializzate in un settore sempre più ampio e multiforme.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi