sabato, Giugno 6, 2020
0 Carrello
Attualità

Il CNGeGL al fianco degli iscritti nell’emergenza Coronavirus

Il Presidente Maurizio Savoncelli fa appello al senso del dovere e al rigore professionale dimostrati dalla Categoria nelle occasioni di massima allerta.

Il CNGeGL al fianco degli iscritti nell’emergenza Coronavirus
697Visite

Con una lettera inviata ai Consiglieri del Consiglio Nazionale dei Geometri e dei Geometri Laureati e ai Presidenti dei Consigli dei Collegi Provinciali dei Geometri, il Presidente Maurizio Savoncelli fa appello al senso del dovere e al rigore professionale dimostrati dalla Categoria nelle occasioni di massima allerta. Un invito a proseguire nel solco già tracciato dalla lunga collaborazione sempre resa dai geometri al Paese.

Contestualmente viene annunciato l’impegno a rappresentare nelle sedi istituzionali la necessità di un sostegno economico per la categoria, relativamente all’emergenza epidemiologica da COVID – 19 che ha colpito il nostro Paese. Una responsabilità che sarà assunta di concerto con la Rete Professioni Tecniche

Cari Presidenti,

in questo particolarissimo momento, il senso di responsabilità che quotidianamente ci distingue e verso il quale siamo ancor più chiamati a rispondere, in qualità di professionisti e di rappresentanti degli organismi di rappresentanza nazionale e territoriale di categoria, ci impone di osservare un altissimo rispetto delle disposizioni emanate dal Governo per contenere l’emergenza epidemiologica da COVID – 19, meglio conosciuto come “coronavirus”.

Tuttavia, ciò non significa non rendersi conto, non avere evidenza e contezza delle difficoltà causate dalle ripercussioni delle misure imposte sotto ogni profilo, da quello operativo a quello economico.

A questo proposito, si segnalano due iniziative che proporremo nell’immediato come Rete delle Professioni Tecniche. In primis, l’appello al Governo per la previsione di misure economiche di sostegno a favore dei professionisti e ogni altra disposizione finalizzata a contenere l’inevitabile caduta dei redditi derivante dalla contrazione delle attività. In secondo luogo, la richiesta ai Ministeri competenti della proroga dei termini di legge per l’acquisizione dei crediti formativi obbligatori.

Confidando che tali preliminari iniziative possano, almeno in parte, offrire un conforto a ciascuno, testimoniando l’impegno che sarà prontamente profuso nelle sedi istituzionali preposte, vi invio i più cordiali saluti.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi