venerdì, Maggio 24, 2024
0 Carrello
Edilizia

Emilia Romagna: una via per l’efficienza energetica e le energie rinnovabili

Un bando per agevolazioni, finanziamenti e contributi rivolto agli enti locali della Regione Emilia Romagna per la riduzione dei costi energetici nell'edilizia a scopo sociale, attraverso interventi di efficienza energetica e rinnovabili.

1.44KVisite

Un bando per agevolazioni, finanziamenti e contributi rivolto agli enti locali della Regione Emilia Romagna per la riduzione dei costi energetici nell’edilizia a scopo sociale, attraverso interventi di efficienza energetica e rinnovabili.

Possono presentare richiesta di finanziamento, entro il 30 ottobre, i soggetti pubblici titolari di immobili che vogliano realizzare interventi di efficienza energetica appartenenti alle seguenti categorie:

  • Edifici di edilizia residenziale pubblica

  • Centri di riabilitazione per anziani e disabili

  • Case di riposo

  • Centri di accoglienza e case famiglia

  • Edifici di edilizia sociale di proprietà degli enti locali

  • Gli interventi ammissibili riguardano tutte le opere di manutenzione straordinaria degli edifici e dei relativi impianti di riscaldamento, volti alla riduzione dei costi energetici di gestione a carico degli utilizzatori. Tra le varie tipologie di intervento sono preferibili quelle che associano all’intervento di efficientamento l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile, sia per la fornitura di energia termica che per quella elettrica.

A titolo esemplificativo si riportano alcune tipologie di intervento nei settori dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili:

Potenziamento della capacità termo coibente degli edifici, sia delle strutture murarie che degli infissi.

Potenziamento del rendimento degli impianti di produzione energia termica, con la sostituzione dei generatori con nuovi più efficienti e l’adozione della valvole termostatiche, a contabilizzazione separata per alloggio.

Adozione di sistemi di regolazione automatica della temperatura all’interno degli alloggi in relazione agli sbalzi di temperatura esterna.

Adozioni di nuovi impianti di produzione di energia termica che preveda il ricorso a sistemi che utilizzano l’energia rinnovabile come vettore principale (pompe di calore geotermiche, p.d.c. elettriche aria/acqua, p.d.c. a gas metano aria/acqua).

Utilizzo dell’energia solare per la produzione di acqua calda ad uso sanitario e/o come sistema integrativo all’impianto di riscaldamento.

Utilizzo di energia solare fotovoltaica per la produzione di energia elettrica per l’illuminazione degli spazi comuni ed il funzionamento degli impianti termici.

L’agevolazione consiste in un contributo massimo di 25.000 euro per alloggio o 350 euro per mq di Su (superficie utile). Eventuali cofinanziamenti degli enti proprietari per conseguire un migliore rapporto costi/benefici saranno oggetto di valutazione positiva in sede di istruttoria.Le domande dovranno pervenire alla Regione Emilia Romagna Servizio Qualità Urbana e Politiche Abitative esclusivamente mediante PEC all’indirizzo: pru@postacert.regione.emilia-romagna.it entro il 30 ottobre 2015.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi