sabato, Marzo 2, 2024
0 Carrello
Attualità

200 milioni di euro per interventi di prevenzione antisismica

Pubblicate sulla Gazzetta ufficiale le risorse destinate alle regioni per la messa in sicurezza di edifici pubblici e privati in materia di prevenzione antisismica

1.43KVisite

La Protezione Civile, cosi come pubblicato dalla Gazzetta Ufficiale, ha sbloccato i 195,6 milioni di euro per interventi di prevenzione antisismica.  È stata infatti pubblicata l’ordinanza 293/2015 del Dipartimento della Protezione Civile che libera le risorse dell’annualità 2014 del “Piano nazionale per la prevenzione antisismica ”, lanciato dopo il terremoto in Abruzzo con la Legge 77/2009 che ha stanziato 965 milioni di euro in 7 anni.

Cosa sarà possibile finanziare con i 195 milioni di euro che la protezione civile a stanziato per il finanziamento dei lavori di prevenzione antisismica?

I circa 200 milioni di euro saranno ripartiti tra una diversa serie di interventi:

  • 16 milioni di euro andranno al finanziamento degli studi di microzonazione sismica e analisi della condizione limite per l’emergenza

  • 170 milioni di euro invece sono destinati a finanziare gli interventi di rafforzamento locale o miglioramento sismico, demolizione e ricostruzione di edifici ed opere pubbliche d’interesse strategico per finalità di protezione civile, interventi strutturali di rafforzamento locale o miglioramento sismico o di demolizione e ricostruzione di edifici privati

  • 8,3 milioni di euro saranno invece destinati per agevolare altri interventi urgenti e indifferibili per la mitigazione del rischio simico, con particolare riferimento a situazioni di elevata vulnerabilità ed esposizione.

Come saranno ripartiti i fondi?

 

 Con un provvedimento successivo, il Dipartimento per la Protezione Civile ripartirà le risorse tra le Regioni a seconda dell’indice medio di rischio sismico. Le Regioni che oggi usufruiscono di un finanziamento pari o superiore a 2 milioni di euro potranno assegnare una quota variabile ( dal 20% al 40% delle risorse ndr) ad interventi sugli edifici privati. Per quanto riguarda la microzonazione sismica, invece, gli interventi dovranno coprire almeno il 70% della superficie dei centri abitati o il 70% della popolazione del comune.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi