giovedì, Giugno 4, 2020
0 Carrello

MINISTERO DELLA DIFESA, DECRETO 25 luglio 2012, n. 162

MINISTERO DELLA DIFESA, DECRETO 25 luglio 2012, n. 162

Regolamento recante individuazione delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate, compresa l’Arma dei carabinieri, in uso esclusivo al Ministero della difesa, ai sensi dell’articolo 300, comma 4, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66. (12G0183)

(GU n. 224 del 25-9-2012 – Suppl. Ordinario n. 186)

IL MINISTRO DELLA DIFESA

di concerto con

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

e

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto l’articolo 87 della Costituzione;

Visto l’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Visto il decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, recante il codice dell’ordinamento militare;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90, recante il testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di ordinamento militare, a norma dell’articolo 14 della legge 28 novembre 2005, n. 246;

Visto l’articolo 300, comma 4, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, come modificato dall’articolo 2, comma 1, lettera l) del decreto legislativo 24 febbraio 2012, n. 20, che demanda a un regolamento, da adottare con decreto del Ministro della difesa, di concerto con i Ministri dello sviluppo economico e dell’economia e delle finanze, l’individuazione delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi dei quali le Forze armate, compresa l’Arma dei carabinieri, hanno l’uso esclusivo, ai sensi del comma 1 del medesimo articolo 300, nonche’ delle specifiche modalita’ attuative;

Visto l’articolo 535 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66 che stabilisce l’istituzione della societa’ per azioni denominata «Difesa Servizi s.p.a.» della quale il Ministero della difesa puo’ avvalersi, ai sensi del citato articolo 300, comma 1, del medesimo decreto legislativo, per consentire l’uso anche temporaneo delle denominazioni degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate compresa l’Arma dei carabinieri;

Visto l’articolo 545 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66 che prevede la possibilita’ per il Ministero della difesa di stipulare convenzioni e contratti per la permuta di materiali o prestazioni con soggetti pubblici e privati;

Visto il decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30, recante il codice della proprieta’ industriale, a norma dell’articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273, e in particolare gli articoli 124, 125 e 126;

Visto l’articolo 26 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, che disciplina i contratti di sponsorizzazione e i contratti a essi assimilabili;

Uditi i pareri del Consiglio di Stato, espressi dalla Sezione consultiva per gli atti normativi nelle adunanze del 7 luglio 2011 e del 3 aprile 2012;

Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri con nota n. 8/501138 del 18 aprile 2012;

Adotta

il seguente regolamento:

Art. 1

Definizioni

1. Ai fini del presente regolamento, si intendono per: a) «Forze armate», l’Esercito italiano, la Marina militare, l’Aeronautica militare e l’Arma dei carabinieri; b) «denominazioni», i nomi, anche sotto forma di logo, che identificano le singole Forze armate, ovvero quei reparti, gruppi, strutture ed enti, anche interforze, che costituiscono il patrimonio storico e culturale dell’istituzione militare e concorrono a esprimerne il prestigio; c) «stemma», il complesso di figure o di figure e parole, di qualsiasi formato, disegnato su scudo araldico, che costituisce il contrassegno delle singole Forze armate e dei singoli reparti, enti, gruppi e strutture, anche interforze, in cui esse sono organizzate, ivi inclusi i contrassegni storici e tradizionali e quelli riferiti a enti, reparti e strutture soppressi; d) «emblema», il complesso di figure o di figure e parole, di qualsiasi formato, disegnato su fondo diverso dallo scudo araldico, che costituisce il contrassegno di distinzione delle singole Forze armate e dei singoli reparti, enti, gruppi e strutture, anche interforze, in cui esse sono organizzate, ivi inclusi i contrassegni storici e tradizionali e quelli riferiti a enti, reparti e strutture soppressi; e) «segno distintivo o marchio», fregio o altro distintivo, recante figure o figure e parole, che identifica l’appartenenza del militare a un ente, reparto, gruppo o struttura delle Forze armate, anche storico, ovvero la sua specifica professionalita’ militare, quali, a titolo esemplificativo, gli scudetti, le mostreggiature, i distintivi, i copricapo e gli omerali.

Art. 2

Individuazione delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate

1. Le Forze armate esercitano, ai sensi dell’articolo 300, comma 1, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, il diritto all’uso esclusivo: a) delle denominazioni riportate nell’allegato 1 al presente regolamento, nonche’ di quelle altre denominazioni che identificano le Forze armate, ovvero i reparti, gli enti, i gruppi e le strutture, anche interforze, esistenti o soppressi, in cui esse si articolano; b) degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi che identificano le Forze armate, ovvero i reparti, gli enti, i gruppi e le strutture, anche interforze, esistenti o soppressi, riportati negli allegati da 2 a 6 al presente regolamento, nonche’ di quelle singole parti di essi che di per se’ sono idonee a svolgere la funzione identificativa.

2. Gli allegati di cui al comma 1 formano parte integrante del presente regolamento e sono pubblicati sul sito web istituzionale del Ministero della difesa, dello Stato maggiore della difesa e di ciascuna Forza armata, per la parte di interesse, e in particolare gli allegati da 2 a 6 sono corredati dall’analitica descrizione degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi da essi recati.

Art. 3

Uso, a titolo oneroso, delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi

1. Il Ministero della difesa puo’ consentire a soggetti terzi, pubblici o privati, l’uso temporaneo delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate, a titolo oneroso, in via convenzionale, attraverso la stipula di contratti di sponsorizzazione e di contratti ad essi assimilabili, ai sensi dell’articolo 26 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163.

2. Il Ministero della difesa, prima di consentire a terzi l’uso delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate, verifica che il loro previsto utilizzo sia compatibile con il prestigio del patrimonio storico e culturale dell’istituzione militare che essi rappresentano, sia idoneo ad accrescerne la diffusione e non risulti in contrasto con le proprie finalita’ istituzionali e con l’immagine delle Forze armate.

3. I contratti di cui al comma 1 disciplinano tra l’altro: a) l’oggetto della prestazione, costituito dall’uso delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate specificatamente indicati, a fronte del quale il terzo rende un corrispettivo in denaro, ovvero fornisce beni o servizi, ai sensi dell’articolo 545 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66; b) le modalita’ e i limiti di uso delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e dei segni distintivi delle Forze armate da parte del terzo, che comunque non potranno essere concessi in uso per finalita’ di natura politica e sindacale, ovvero ai fini della commercializzazione di beni o servizi vietati dalle norme vigenti; c) il divieto di cedere a terzi, a qualsiasi titolo, il diritto di uso delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate, pena la risoluzione di diritto del contratto, salva l’ipotesi in cui tale possibilita’ di cessione sia espressamente consentita, di volta in volta, da una preventiva autorizzazione del Ministero della difesa; d) il compenso, che puo’ consistere in un importo fisso corrisposto in un’unica soluzione, ovvero nella fornitura di beni e servizi di equivalente valore, o in un importo iniziale cui vanno ad aggiungersi importi rateizzati ragguagliati a una percentuale, anche variabile nel tempo, del fatturato relativo al bene commercializzato (royalty) avvalendosi delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate concessi in uso; e) le modalita’ operative per la verifica da parte del Ministero della difesa della corretta corresponsione delle royalty eventualmente stabilite in sede contrattuale, prevedendo obblighi di rendicontazione scritta del licenziatario, consistenti in rapporti periodici sull’ammontare complessivo del fatturato relativo al bene o servizio commercializzato, corredati della relativa documentazione contabile; f) la durata del contratto; g) le modalita’ attraverso le quali il Ministero della difesa verifica il rispetto da parte del terzo delle condizioni e dei limiti di uso dei segni distintivi dei quali sia stato consentito l’uso, che comunque dovranno prevedere: 1) l’obbligo del licenziatario di produrre all’Amministrazione, prima della commercializzazione del bene, ovvero dell’avvio dell’attivita’ che comporta l’uso delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate, un esemplare del bene o la documentazione recante l’illustrazione dettagliata dell’attivita’ da svolgere; 2) la facolta’ dell’Amministrazione di procedere, previa intesa con il licenziatario, a verifiche dirette nei luoghi di produzione o di commercializzazione dei beni, ovvero di svolgimento dell’attivita’ che comporta l’uso dei segni distintivi delle Forze armate; 3) l’applicazione di penalita’ per l’inadempimento degli obblighi di cui al numero 1) ovvero dell’intesa di cui al numero 2); h) le condizioni, ivi inclusi gli eventi sopravvenuti al perfezionamento dell’atto negoziale, che possono essere di nocumento all’immagine, al prestigio o alle finalita’ istituzionali delle Forze armate, la cui violazione determina la risoluzione di diritto del contratto.

4. Le attivita’ di gestione economica delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi di cui al comma 1, ivi inclusa l’individuazione del terzo licenziatario, salvo che esse siano state affidate dal Ministero della difesa alla societa’ «Difesa Servizi spa», sono svolte dalle strutture individuate dal Capo di stato maggiore della difesa, dai Capi di stato maggiore delle Forze armate e dal Comandante generale dell’Arma dei carabinieri, cui le denominazioni, gli stemmi, gli emblemi e gli altri segni distintivi sono riconducibili.

Art. 4

Uso, a titolo gratuito, delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi

1. Il Ministero della difesa puo’ motivatamente consentire l’uso temporaneo, a titolo gratuito, delle proprie denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi, nell’ambito della concessione del proprio patrocinio a eventi e manifestazioni organizzati o promossi da soggetti pubblici ovvero privati, senza finalita’ di lucro, ovvero negli altri casi in cui sussista uno specifico interesse pubblico.

Art. 5

Proventi

1. Fatti salvi i casi in cui l’attivita’ di gestione economica delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate sia svolta attraverso la societa’ «Difesa Servizi s.p.a.» o il corrispettivo sia erogato in beni e servizi di valore corrispondente, il licenziatario e il sub-licenziatario versano le somme dovute alla Sezione di Tesoreria dello Stato, competente per territorio, sull’apposito capitolo dello stato di previsione dell’entrata del bilancio dello Stato, e rendono la relativa quietanza alle competenti strutture del Ministero della difesa, individuate ai sensi dell’articolo 3, comma 4.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Roma, 25 luglio 2012.

Il Ministro della difesa Di Paola

p.Il Ministro dell’economia e delle finanze Il Vice Ministro delegato Grilli

Il Ministro dello sviluppo economico
Passera

Visto, il Guardasigilli: Severino

Registrato alla Corte dei conti il 3 settembre 2012, registro n. 6, Difesa, foglio n. 223.