|
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Geometri
  • News » Attualità

Lettera aperta alla Direttrice dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi

ome Lei ben sa niente di tutto questo. Molto semplicemente tutto il mercato del lusso si è spostato nelle nazioni a noi vicine.

 


Lettera aperta alla Direttrice dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi

Gentilissima Direttrice,

Le scrivo perché ho letto il documento depositato in occasione della Sua audizione presso le Commissioni Bilancio di Camera e Senato, in merito alla oramai famosa “Tassa Airbnb”

Non Le nascondo che da Italico contribuente prima della diffusione del testo di legge, ho provato una piacevole sensazione di piacere, si vociferava infatti, sul fatto che, i colossi del web avrebbero pagato le tasse in Italia per l’attività che svolgono sul territorio Nazionale.

E’ stato il ripetersi della stessa sensazione che ricordo di aver provato, quando il Governo varò le super tasse per la nautica al grido “anche i ricchi piangano”, o quando si è varato il super bollo per le auto di lusso.

Peccato però che dopo questi provvedimenti e dopo il sottile piacere che avranno provato milioni di Italiani, il comparto della nautica italiana sia stato praticamente devastato e le immatricolazioni delle auto di lusso abbiano subito una flessione a doppia cifra.

Gli Italiani hanno forse smesso di comprare barche o auto di lusso ? Come Lei ben sa niente di tutto questo. Molto semplicemente tutto il mercato del lusso si è spostato nelle nazioni a noi vicine.

Tornando alla oramai famosa “Tassa Airbnb”, finalmente, ho pensato: il genio Italico ha colto in castagna chi paga il 15% di tasse in Irlanda o in Olanda e viene a fare concorrenza a noi professionisti Italiani che siamo sottoposti a una pressione fiscale complessiva che si aggira vicino al 65%.

Ma ancora una volta, il mio sottile senso di piacere è stato interrotto alla lettura del testo della Sua audizione, di cui riporto qui sotto il passaggio più significativo:

Ai sensi del comma 4 della norma, gli adempimenti devono essere posti in essere non solo dagli agenti immobiliari ma da tutti coloro che, in senso lato, effettuano intermediazione mettendo in contatto persone in ricerca di un immobile con persone che dispongono di unità immobiliari da locare.”

Ecco, vede Dott.ssa Orlandi, oltre a essere un contribuente sono anche il Presidente Nazionale della Fiaip e rappresento gli agenti immobiliari, professione normata dalla Legge 39/89.

Or dunque, quando Lei parla di agenti immobiliari e di tutti coloro che “in senso lato” effettuano intermediazione, sta avallando il fatto che vi possano essere agenti immobiliari abusivi. E’ un po’ come dire che non solo i medici possano essere sottoposti ad un provvedimento, ma anche chi fa il medico “in senso lato”.

Ma qual è il provvedimento a cui devono essere sottoposti gli agenti immobiliari e gli abusivi ?

 

Secondo l’art. 4 del D.L.50/2017, queste categorie debbono diventare sostituti di imposta, dal 1° giugno insomma, professionisti e abusivi sullo stesso piano, debbono trattenere alla fonte il 21% da ogni importo che incassato in nome e per conto dei proprietari di casa.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!