|
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Geometri
  • News » Professionisti

La valutazione, uno strumento di qualità

Capofila delle iniziative tematiche, fra gli appuntamenti celebrativi, il Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia ha promosso nella cittadina toscana il seminario “La valutazione dei collaterali, uno strumento di qualità”

 


La valutazione, uno strumento di qualità

I Geometri Italiani fra i protagonisti di “Pistoia – Capitale Italiana della cultura 2017”. Capofila delle iniziative tematiche, fra gli appuntamenti celebrativi, il Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia ha promosso nella cittadina toscana il seminario “La valutazione dei collaterali, uno strumento di qualità”

Un seminario che ha toccato ogni punto focale della valutazione dei collaterali e ha sottolineato la valenza qualitativa dello strumento. Questo l’intento del Presidente del Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia Marco Sibaldi, che sul tema ha saputo raccogliere gli interventi di autorevoli esponenti. Un panel di qualificati relatori moderati dall’expertise del Vice Presidente CNGeGL Antonio Benvenuti, referente nazionale e internazionale sull’argomento per la Categoria. Nell’articolato programma, il primo che ha animato l’interesse della platea è stato Angelo Peppetti, Direzione Strategie e Mercati Finanziari dell’Associazione Bancaria Italiana (ABI) che, con la sua presentazione “La valutazione degli immobili a garanzia dei crediti anomali” ha offerto ‘un’istantanea’ sulla situazione economica del nostro Paese, oggi caratterizzata da una lieve ripresa. Un andamento che si riflette positivamente sullo stock dei crediti deteriorati e che permetterebbe di ridurre la percentuale delle sofferenze, in un arco temporale molto più breve del previsto, se venisse risolta la principale criticità del settore: la durata delle procedure giudiziali. Queste ultime si classificano ben al di sopra della media europea, permanendo nelle aule dei Tribunali più del doppio, rispetto alle consuete prassi risolutive dei principali Paesi della Comunità.

Come le lungaggini della Giustizia italiana possano incidere negativamente sul recupero del credito, è stato ulteriormente messo in evidenza da Stefano Scopigli, Consigliere dell’associazione “T.S.E.I. - Tavolo di studio sulle esecuzioni italiane”. Nel suo focus “Giustizia Civile e NPL: un dialogo che può risolvere il problema?”, l’esperto ha documentato l’ampio spettro dell’erosione dei costi nelle esecuzioni immobiliari con la ‘giustizia lumaca’. I suoi studi, più e più volte presentati nelle principali sedi istituzionali, riassumono l’ammontare dei miliardi (oltre 276) che non vengono usati dalle banche per finanziare famiglie e imprese; quantificano la percentuale che pesa sul prezzo dell’immobile (oltre il 25%) per le spese di avvio e prosecuzione del giudizio; stilano le tabelle di marcia dei Tribunali nazionali elencando la media degli anni occorrenti per porre la parola fine al giudizio, con una parabola che tocca punte massime (5 anni a Crotone) e minime (3 anni a Napoli) e metteno in luce una varietà di esiti che corrispondono soprattutto alla molte della struttura (paradossalmente le sedi più piccole risultano più lente).

In questa cornice, l’AD di Inarcheck e past Presidente di CIPAG Fausto Amadasi ha sottolineato come il mercato si possa tradurre in una reale opportunità per i Geometri se questi ultimi sapranno rivelarsi professionisti pronti a superare la sfida. Così il manager nella sua introduzione ha raccolto con enfasi un’affermazione fatta dal Presidente del Collegio di Pistoia Marco Sibaldi nel saluto iniziale: “Voglio immaginare un mercato in cui le perizie siano svolte dai Geometri”. Proseguendo, gli strumenti a loro disposizione, vengono riepilogati nel documento “Professionisti … in Rete”: un excursus che delinea come, ante e post Jobs Act, sia mutata la configurabilità operativa per il perito valutatore. In particolare, l’articolo 12, al comma 3, prevede la partecipazione a bandi e la possibilità di concorrere a incarichi pubblici e privati alle Reti esercenti la professione, alle Reti miste di imprese, ai Consorzi stabili professionali, alle associazioni temporanee professionali; status che si aggiungono a quelli già indicati nell’ante: Libero professionista, Studio associato, Società tra professionisti STP, Cooperative di professionisti. Tutti sottoposti a una puntuale disamina a beneficio dei presenti.

Completando una panoramica sul tema al centro dell’incontro, il neo Presidente del Collegio Provinciale di La Spezia Stefano Giangrandi si è concentrato nel suo intervento sull’affidabilità degli standard di valutazione, ricordando come nell’articolo 120 del Testo Unico bancario (TUB per la valutazione dei beni immobili) la concessione del credito garantito da ipoteca sia prevista da questi criteri. In un confronto espositivo, inoltre, il relatore ha posto l’accento anche sulla figura del perito valutatore, competente per qualificazione tecnica e totalmente indipendente dal processo di commercializzazione.

 

Piccolo gioiello conosciuto da pochi estimatori, da sempre crocevia di incontri e scambi, Pistoia ha avuto numerosi eventi in programma per tutto il 2017: dall’arte alla musica, dall’antropologia al teatro, dall’animazione degli spazi urbani alle iniziative per la riscoperta del verde e del paesaggio; appuntamenti pensati per condividere percorsi di riflessione con i cittadini e i visitatori. Cuore del progetto di “Pistoia 2017” è la rigenerazione urbana. Poche cittadine in Italia possono vantare, infatti, l’esistenza di aree agricole ai margini della città storica: questo è uno dei principali valori da preservare.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!