|
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
en.i.c.
  • News » Professionisti

La nuova figura dell'amministratore condominiale

La Riforma del Condominio prevede nuove responsabilità e nuovi obblighi

 


La nuova figura dell'amministratore condominiale

4/12/2012 - Molti geometri sono anche amministratori di condominio per cui assume particolare la rilievo la Riforma del Condominio, recentemente approvata e in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

 

La Riforma rivede compiti e funzioni dell'amministratore che acquisisce nuovi obblighi e nuove responsabilità.

 

Nello specifico si prevede che:

- un amministratore di condominio venga nominato dall'autorità giudiziaria su ricorso di uno o più condomini o dell'amministratore dimissionario, quando i condomini sono più di quattro e non c'è accordo sulla designazione;

- l'amministratore, all'atto della nomina, deve presentare ai condomini una polizza individuale di responsabilità civile per gli atti compiuti nell'esercizio del mandato i cui oneri sono posti a carico dei condomini;

- l'amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente intestato al condominio;

- l'incarico di amministratore di condominio ha durata di due anni e si intende rinnovato per eguale durata. - l'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare analiticamente l'importo dovuto a titolo di compenso per l'attività svolta.

 

Secondo la Riforma del Condominio, l'amministratore deve:

- eseguire le deliberazioni dell'assemblea, convocarla annualmente per l'approvazione del rendiconto condominiale e curare l'osservanza del regolamento di condominio;

- disciplinare l'uso delle cose comuni e la fruizione dei servizi nell'interesse comune;

- riscuotere i contributi ed erogare le spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni;

- compiere gli atti conservativi relativi alle parti comuni dell'edificio;

- eseguire gli adempimenti fiscali;

- curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale;

- curare la tenuta del registro dei verbali delle assemblee, del registro di nomina e revoca dell'amministratore e del registro di contabilità;

- conservare tutta la documentazione inerente alla propria gestione riferibile sia al rapporto con i condomini sia allo stato tecnico?amministrativo dell'edificio e del condominio;

- redigere il rendiconto condominiale annuale della gestione.

 






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!


en.i.c.